menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla Magrini ed alla Spaziani il premio “donne e covid-19”

Il direttore generale della Asl ciociara e la responsabile dell’Uoc dell’ospedale di Frosinone sono state premiate a Milano in mattinata

Consegnato  oggi a Milano il riconoscimento “Donne e Covid-19” a 206 operatrici sanitarie di tutta Italia che si  sono particolarmente distinte per l’assistenza e la cura ai pazienti durante l’emergenza pandemica.

Questo Premio Nazionale è stato istituito dalla Fondazione Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere e le assegnazioni sono state decise da un Comitato di esperti di settore sulla base delle segnalazioni ricevute dagli  Ospedali Bollini Rosa (tra i quali, come si ricorderà, figura il “Fabrizio Spaziani” di Frosinone).

Sono 206 le donne premiate oggi a Palazzo Lombardia sede della Regione Lombardia, in occasione della presentazione del IV Congresso Nazionale della Fondazione, per l’impegno in prima linea nella gestione dell’epidemia di Sars-Cov2. Medico, infermiera, ostetrica, tecnico di laboratorio, psicologa sono alcune tra le figure sanitarie ad aver ricevuto il riconoscimento “Donne e Covid-19”: "Un’opportunità per ringraziare tutte le donne che hanno avuto un ruolo chiave nella gestione di questa emergenza sanitaria distinguendosi per il loro essenziale contributo", ha detto Francesca Merzagora, Presidente Fondazione Onda.

Per la ASL di Frosinone, tra le 206 operatrici italiane, sono state premiate la Dr. Patrizia Magrini Direttore Generale f.f. e Direttore Sanitario ASL e la Dr. Sandra Spaziani, Direttore UOC Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale “Fabrizio Spaziani” di Frosinone.

L’una (la Magrini) protagonista della rivoluzione organizzativa cui sono stati sottoposti a tempo di record i nostri Ospedali, in particolare lo Spaziani divenuto Covid Hospital in una notte, da Generale in campo per mesi che, oltre a pianificare efficacemente la lotta alla pandemia ha attivato tutti gli strumenti disponibili (grazie pure alla specifica esperienza maturata allo Spallanzani), senza risparmiarsi tant’è che, come è noto, è stata anch’essa colpita dal virus.

L’altra (la Spaziani) Direttore della Terapia Intensiva che ha dovuto assistere in piena emergenza i malati più gravi, vivere le ore più drammatiche delle persone colpite dal virus, soffrire per i casi che non riuscivano a venirne fuori, gioire per i tanti, davvero tanti, che ce l’hanno fatta. Storie, appunto, di resistenza e tenacia intrise di sensibilità e umanità e con la massima espressione di professionalità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento