menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il municipio di Falvaterra

Il municipio di Falvaterra

Unione dei Comuni, sei dipendenti senza stipendio da oltre 2 anni

Gli ultimi soldi ricevuti dalle 4 impiegate e 2 operaie, tutte assunte a tempo indeterminato, risalgono al Novembre del 2017, da quel momento il nulla, neanche attraverso i decreti ingiuntivi, i quali, non hanno determinato effetti

Non ricevono lo stipendio da oltre due anni i dipendenti dell’Unione dei Comuni “Antica Terra di Lavoro” che ha sede nel Comune di Falvaterra nel sud della Provincia di Frosinone e, composta anche dai Comuni di Rocca d’Arce e San Giovanni Incarico, è da tempo in liquidazione. L’ultimo stipendio ricevuto dalle 4 impiegate e 2 operaie, tutte assunte a tempo indeterminato, risale al Novembre del 2017, da quel momento il nulla, neanche attraverso i decreti ingiuntivi, i quali, non hanno determinato effetti.

Dal Gennaio 2019, poi, le lavoratrici non hanno ricevuto più neppure le buste paga e il versamento dei contributi Inps. Nonostante tutto continuano a recarsi giornalmente sul posto di lavoro per non perdere le tutele in caso di licenziamento, ma l’ente non svolge più alcuna attività e dunque non c’è nulla da fare. Una situazione imbarazzante per la quale è intervenuto più volte il consigliere del gruppo “Progetto Falvaterra” Daniele Ricci che sta seguendo da vicino la vertenza. Lo stesso gruppo consiliare, recentemente, ha chiesto un incontro con il liquidatore, in carica da luglio scorso, senza ottenere risposta.

L’Ugl, sindacato di riferimento di parte del corpo dipendente, ha annunciato una giornata di mobilitazione: “E’ fondamentale tenere i riflettori accesi sulla vicenda perché le sei lavoratrici hanno il sacrosanto diritto di ottenere gli stipendi arretrati e conoscere il proprio destino. La nostra organizzazione sindacale è pronta a sostenere le lavoratrici e ad organizzare un sit-in di protesta davanti la sede di Piazza Sigismondo Amati 1”. Le dipendenti speravano di risolvere il 31 Dicembre con la liquidazione dell’ente ma così non è stato: “A nessuno interessa la situazione – spiegano – non si sta facendo nulla per risolverla, ci sentiamo abbandonate”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento