Attualità

Ferentino, niente pagamento del suolo pubblico fino al 30 Giugno 

Il sindaco Pompeo: il nostro impegno per far ripartire tutti non ha mai subito battute d'arresto

Un’ulteriore misura a sostegno delle attività commerciali cittadine, che va ad aggiungersi alle azioni e agli interventi già predisposti dall’Amministrazione comunale targata Pompeo per dare nuovo impulso alle attività commerciali dopo il lungo e difficile periodo legato all'emergenza Covid, che ha pesato non poco soprattutto sul commercio cittadino.

Con una delibera di Giunta, l'Amministrazione estende l'esenzione dal pagamento del canone per l'occupazione del suolo pubblico  a tutte le attività artigianali dedite alla produzione e vendita di prodotti alimentari. Uno sforzo in più, dunque, da parte del Comune di Ferentino che, di fatto, ‘supera’ il D.L. 41/2021 relativo alle ‘Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Covid-19’.

La delibera, dunque, stabilisce che, fino al 30 giugno 2021, sono esonerati dal pagamento del canone unico patrimoniale (sostitutivo dal 1° gennaio 2021 di Tosap, Cosap, Icp, affissioni pubbliche e canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari) tutti i titolari di concessioni relative ad attività svolte in forma artigianale di produzione e vendita dei prodotti alimentari: piadinerie, rosticcerie, pizzerie al taglio, gelaterie e simili. Che, quindi, potranno installare strutture amovibili (dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni) su vie, piazze e strade sempre nel rispetto delle misure di distanziamento connesse all'emergenza Covid, senza il pagamento del relativo canone.

Per le stesse attività è prevista una importante semplificazione amministrativa ed una forte  ‘accelerazione’ nei tempi di rilascio delle autorizzazioni, validità fino al 30 dicembre 2021.

Sul sito internet del Comune è pubblicata la delibera con tutte le indicazioni per presentare domanda.

“Si tratta di uno sforzo in più – spiegano il sindaco Antonio Pompeo e l’assessore alle attività produttive Angelica Schietroma – che abbiamo ritenuto giusto e doveroso fare per agevolare tutte le attività commerciali della nostra città e sostenerle in questa delicatissima e cruciale fase della ripartenza dopo un lungo periodo di sofferenza e di gravi difficoltà economiche. Famiglie e imprese costituiscono l'ossatura del nostro Paese e aiutarle nel momento di ripartenza e di ripresa è un dovere che le istituzioni devono sentire primario e assolutamente necessario affinché si torni a parlare di sviluppo e di crescita”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferentino, niente pagamento del suolo pubblico fino al 30 Giugno 

FrosinoneToday è in caricamento