menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gino Adiutori, il primo pasticcere di Fiuggi, e sua moglie Elena

Gino Adiutori, il primo pasticcere di Fiuggi, e sua moglie Elena

Fiuggi festeggia il suo primo pasticcere: 50 anni di attività e matrimonio per Gino Adiutori e sua moglie Elena

Un doppio anniversario celebrato dal sindaco della cittadina ciociara Baccarini: “Fiuggi sarà sempre grata a chi ha saputo negli anni offrire un servizio eccellente come quello che il bar Monique offre da mezzo secolo ai suoi clienti”

Oggi, domenica 20 dicembre, scatta un doppio anniversario molto sentito a Fiuggi. Gino Adiutori, il primo pasticcere nella storia della cittadina ciociara, e sua moglie Elena festeggiano 50 anni di pasticceria e matrimonio. 

Per il mezzo secolo di attività e le loro nozze d'oro arriva un augurio di cuore dal sindaco Alioska Baccarini: “Fiuggi - dichiara il primo cittadino - sarà sempre grata a chi ha saputo negli anni offrire un servizio eccellente, come quello che il bar Monique offre da mezzo secolo ai suoi clienti”. 

La storia della famiglia Adiutori 

Una storia che affonda le sue radici nell'Italia del 1970, periodo in cui il nostro Belpaese cresce a ritmo importante e il Made-in -Italy si afferma in tutto il mondo. Uno stile che resiste al tempo grazie a chi, in quegli anni, decise di realizzare il sogno di una vita: fondare un'attività imprenditoriale. 

Nel 1970 il mondo salutava il maestro Ungaretti e il genio indiscusso di Jimi Hendrix, il mitico Cagliari di Gigi Riva saliva sul tetto d'Italia; personalità, bravura e bellezza: nascevano Marco Pantani, Deborah Compagnoni, Claudia Schiffer e Naomi Campbell, atleti e modelle incredibili che sarebbero rimasti nel cuore di milioni di persone. 

Storie e racconti di un'Italia sana e forte, una piccola penisola nel Mediterraneo che si appresta a diventare la sesta potenza mondiale grazie proprio a quel made in Italy realizzato concretamente nelle industrie di Provincia, in quei territori genuini dove la manodopera tricolore trasformava in oro tutto ciò che toccava. Come quei bignè, quelle torte o i mitici amaretti Ciociari realizzati ad arte al bar Monique. 

Siamo a Fiuggi e l'anno è sempre il 1970. Un giovane ma già tanto esperto Gino Adiutori compie una scelta coraggiosa: rileva il bar Castagno, uno dei locali più conosciuti della città termale. Il turismo va a gonfie vele e gli affari pure. Fiuggi è già conosciuta in tutto il mondo e le migliaia di persone che vi soggiornano ogni anno iniziano a gustare le prelibatezze del primo chef pasticcere del posto.  

Gino è un ragazzo che fin dall'età di nove anni ha toccato con mano la fatica di lavorare nei bar e avuto la soddisfazione di apprendere i segreti del mestiere trasformandoli in attività imprenditoriale, un'opportunità di crescita professionale concessa dallo storico bar Igea, e, per i 14 anni successivi, dal De Carolis a piazza Spada. 

Gli ingredienti ci sono tutti: professionalità, competenze, esperienza, sacrifici e tanta voglia di deliziare il mondo con prelibatezze uniche. Accompagnato in ogni suo passo dalla straordinaria forza della moglie Elena, si venne a concretizzare il sogno: realizzare un'attività in proprio di alta pasticceria. 

Apre lo storico bar Monique, nome della primogenita Monica che attualmente, insieme al fratello Maurizio, ne hanno rilevato la gestione. Alla famiglia Auditori, evidentemente, portano bene le cifre tonde, visto che sempre nel 1970 oltre alla nascita della primogenita e all'avvio di un'attività autonoma, Gino ed Elena si uniscono in matrimonio. Un legame personale e familiare talmente forte da essere determinante nel superare quelle difficoltà fisiologiche di una impresa locale.  

Mezzo secolo di amore, dedizione e duro lavoro, che ha portato alla nascita di due bravissimi figli (Monica e Maurizio), di tre nipoti (Sofia, Sara e Gabriel) e un quarto in arrivo (Elisabetta). Il primo pasticcere di Fiuggi ha lasciato in eredità al figlio Maurizio un patrimonio unico: quei saperi e quei segreti che hanno addolcito i palati di migliaia e migliaia di persone. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento