Lunedì, 27 Settembre 2021
Attualità Fiuggi

Tre anni di Gianfranco Battisti alla guida delle Ferrovie dello Stato, un bilancio più che positivo

Il manager fiuggino tra qualche giorno non sarà più Ad di una della società più importanti d’Italia. Molte le cose fatte sempre con un occhio alla “sua” Ciociaria

Tra qualche giorno finiranno i tre anni alla guida di Ferrovie dello Stato, una della aziende nazionali più importanti, da parte del ciociaro Gianfranco Battisti. Tre anni in cui il manager fiuggino doc ha lavorato senza sosta per far crescere l’azienda ma senza dimenticarsi della sua terra di origine. Sotto la sua gestione come AD sono arrivate le le fermate dei Frecciarossa a Frosinone e a Cassino e si sono concretizzati i progetti della riqualificazione della stazione di Frosinone e della nuova stazione di Ferentino.

Dopo aver completato il suo mandato, il dott. Gianfranco Battisti lascia in questi giorni la carica di amministratore delegato del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane perché, per le nomine dei vertici delle aziende partecipate dallo Stato, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha scelto la discontinuità: per Cassa Depositi e Prestiti, per Rai e per Ferrovie.

Dal 2018 Ad del gruppo Ferrovie dello Stato. Un triennio in cui il manager fiuggino ha certamente evidenziato la sua passione e la sua esperienza nel settore del turismo come conferma l’orario estivo 2021 di FS in vigore dal 13 giugno al quale è stato dato ampio risalto perché favorisce il turismo di prossimità, da nord a sud, riducendone le distanze.

Saranno oltre 150 le fermate in più dedicate al traffico turistico estivo ed aumenteranno con l’arrivo di nuovi treni. Per quanto riguarda il Lazio, Trenitalia comunica in una nota che sono state aggiunte 18 corse straordinarie per raggiungere più comodamente gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino e il porto di Civitavecchia.

“A questi - continua il comunicato – si aggiungono gli altri link intermodali (treno + bus) per riscoprire i principali borghi del Lazio: da Anagni a FiuggI, passando per Anguillara Sabazia, Monte Porzio Catone, Velletri, Colleferro, Trevignano Romano, fino ad arrivare alle novità Montecassino Link, Castel Gandolfo Link e il collegamento verso la Necropoli di Cerveteri”.

“L’essenza del triennio di Battisti – spiega Pietro Martini del giornale Fiuggi - alla guida di FS va inquadrato soprattutto in ambito mondiale. Ha raggiunto i migliori risultati economici nella storia del gruppo. Ha reso le FS un colosso presente in 60 paesi con 71 società internazionali. Basta pensare, ad esempio, che FS sta realizzando la rete ad alta velocità in Indonesia, la metro di Riad e di Bogotà, il polo intermodale più grande del Sudafrica e tanto altro. Ha portato il gruppo ad essere il più grande investitore in infrastrut-

ture del Paese, ha gestito in maniera esemplare, con riconoscimenti a livello internazionale, la criticità della pandemia in stretto contatto con le massime istituzioni nazionali. A questo proposito basti citare i treni covid - free, gli hub vaccinali nelle stazioni ferroviarie e il treno per le emergenze covid”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre anni di Gianfranco Battisti alla guida delle Ferrovie dello Stato, un bilancio più che positivo

FrosinoneToday è in caricamento