Acea, Magini lascia. Palmigiani nuovo Presidente, AD Cocozza

Gli esponenti del comitato acqua pubblica parlano della fine di: “un’epoca dal volto disumano ed arrogante”

“Il CDA di ACEA Ato 5, ovvero quello della provincia di Frosinone, ha nominato Pierluigi Palmigiani Presidente della Società e Roberto Cocozza Amministratore Delegato Roma. Il Consiglio di Amministrazione di Acea Ato 5 S.p.A. nella seduta del 9 dicembre, preso atto delle dimissioni dalla carica di Presidente presentate da Stefano Magini, ha nominato Presidente della Società il Dott. Pierluigi Palmigiani e Amministratore Delegato l’Ing. Roberto Cocozza. Il Consiglio ha inoltre espresso i propri ringraziamenti a Stefano Magini per il lavoro svolto in questi anni alla guida della Società”. Fin qui una nota dell’azienda che gestisce il servizio idrico anche in provincia di Frosinone

Il commento del comitato Acqua pubblica Frosinone

Una decisione che non poteva certamente passare inosservata e che è stata commentata anche dagli esponenti del comitato acqua pubblica di Frosinone con un post sui social. “Termina l'Epoca Magini la fase più dura della Gestione Acea. Quella dal volto disumano e arrogante. Il manager chiamato a sostituire Saccani che dovette lasciare dopo che aveva definito "bifolchi" i cittadini ciociari. Magini lascia un territorio mortificato da vessazioni e razzie di ogni genere contro gli abusivi i furbetti e cosiddetti morosi, ancorché ribelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un macroscopico peggioramento

Magini lascia con un macroscopico peggioramento del servizio senza un benché minimo obiettivo raggiunto in termini di investimenti e miglioramento dello stato delle infrastrutture esistenti. Magini lascia mentre ancora pende presso il Consiglio di Stato la possibilità della permanenza dei nostri territori di ACEA. Magini ha dovuto fare i conti con la resilienza di un intero popolo che non si arrende. E ora il buon senso consiglierebbe a tutti coloro che hanno avvallato e tollerato le scelte scellerate imposte da Magini di seguirne le orme con opportune dimissioni, prima che sia troppo tardi. I primi della lista? I dirigenti della STO”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Violento scontro su Via Casilina tra bus e Fiat 500, muore Fabrizio Cibba (foto)

  • Il messaggio che mette paura: “attenzione, c’è una grossa Anaconda nel fiume”

  • Coronavirus, ecco come si è arrivati ai cinque nuovi positivi, dopo il periodo 'Covid free'

  • La palpeggia e, dopo il "no", le spacca il setto nasale e va al bar: arrestato 44enne marocchino

  • Valmontone, la banca gli chiede 14 mila euro, lui si oppone e vince una causa con 18 mila euro di risarcimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento