menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ennesima tragedia al Multipiano: adesso basta!

Alessandra va ad aggiungersi purtroppo ai casi di Davide e Daniele. I cittadini chiedono servizi di vigilanza 24 ore su 24

Ci risiamo. Purtroppo ieri si è verificata un’altra tragedia al Multipiano di Frosinone. Sono tre le vite spezzate nel giro di poco più di un anno. Alessandra va ad unirsi, purtroppo, a Daniele e Davide, che nel mese di maggio dello scorso anno hanno perso la vita cadendo nel vuoto dal parcheggio del Capoluogo.

Alessandra era una ragazza di 22 anni residente nel centro storico di Frosinone, piena di amici e che studiava hospitality management all’università di Napoli. I tanti amici, ancora increduli per l’accaduto, la descrivono come una ragazza solare, profonda e molto sensibile. Poi il gesto che non lascia spiegazioni e che ha rattristato una città intera.

Una città che ora torna a chiedersi il perché tutte queste tragedie al Multipiano e come fare per evitarle

Dopo le morti di Davide e Daniele, per quest’ultimo ancora c’è incertezza se per suicidio o per un incidente mentre svolgeva Parkour, erano stati eseguiti lavori per mettere in sicurezza la zona, ma a quanto pare non è bastato. Il Multipiano purtroppo è poco utilizzato, pochissimi usufruiscono del parcheggio nella parte alta del Capoluogo. Il fatto di essere poco frequentato incentiva purtroppo questi insani gesti o appunto sport pericolosi. La cosa che lamentano più i cittadini e a ragione, visti i tragici trascorsi, è quella dell’assenza di personale addetto a sorvegliare il posto. Il consigliere Sergio Crescenzi, a tal proposito, ha chiesto al sindaco Nicola Ottaviani di valutare tutte le azioni che il Comune può fare per aumentare la sicurezza della struttura. “Sarebbe il caso di mettere qualche vigilante 24 ore su 24 – scrive sui social una signora addolorata per quanto accaduto – almeno per scoraggiare questi gesti che magari possono essere anche impulsivi. Il Multipiano è soggetto a continui atti vandalici e un'incuria generale imbarazzante. Adesso basta”.

Sì, adesso basta. Purtroppo non si può tornare indietro, ma si può prevenire per il futuro adottando misure rigide di sicurezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento