Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

La Polizia di Stato spegne 166 candeline (video)

Il questore di Frosinone, la dottoressa Rosaria Amato, nel suo intervento ha spiegato il vero significato dell'essere un poliziotto

La  Polizia di Stato della provincia di Frosinone ha festeggiato il suo 166° Anniversario della Fondazione. Alla manifestazione che si è tenuta questa mattina presso l'auditorium della parrocchia San Paolo in viale Madrid nel quartiere Cavoni, ha presenziato il prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli,  il sindaco della città Nicola Ottaviani e numerose personalità militari, civili e religiose. 

Dare fiducia agli onesti e perseguire i criminali

Allo slogan "vicini alla gente" si è affiancato adesso quello di "esserci sempre". Obiettivo questo degli uomini in divisa che quotidianamente lavorano al servizio dei cittadini. "La nostra - ha dichiarato il questore, dottoressa Rosaria Amato - è una missione civica il cui obiettivo è dare fiducia e sostegno agli onesti e perseguire i criminali, con il costante impegno dei poliziotti della Questura, dei Commissariati e delle Specialità - Stradale, Postale e Ferroviaria.

Cosa significa essere un poliziotto

Fare oggi Polizia non significa solo prevenzione e repressione dei reati, bensì impegno a promuovere fattivamente e quotidianamente la cultura della legalità ed anticipare il momento della tutela dei cittadini”. Molto toccante il  discorso dell'alto funzionario circa il lavoro di chi indossa la  divisa. "Fare il poliziotto - ha continuato il questore - è come cucirsi un vestito addosso. Diventa un abito mentale, diventa il modo di vivere la vita". A  tal proposito si è rivolta alla figlia a cui ha imposto orari  impossibili, assenze continuate, dolorosi distacchi. "In realtà - starci vicino è dura. Eppure proprio il sacrificio delle nostre famiglie, silenzioso, occulto, eppure reale, unito a quello di ciascuno di noi che rende possibile il nostro quotidiano".

La tante iniziative portate avanti

Esserci sempre significa entrare nelle scuole, nelle biblioteche, nei campi sportivi, nei centri anziani, negli ospedali, nelle case-famiglia. Con questa finalità sono nati i progetti “Questo non è amore”, “Un libro per amico”, “Un uovo per un sorriso”, “Sicurezza Anziani”. E per rafforzare la vicinanza con la gente comune quest’anno per la prima volta, sono stati premiati due cittadini che spontaneamente, con grande senso civico,hanno dato il loro contributo alla buona riuscita di interventi di Polizia.

L'ospite d'onore

Alla manifestazione era presente anche Marta, l’aspirante poliziotta di 9 anni che lo scorso anno ai microfoni del programma radiofonico “Caterpillar” di Radio2 aveva espresso il desiderio di indossare la divisa della polizia.

A chiudere  la cerimonia le esibizioni dei Gruppi Sportivi delle Fiamme Oro e delle Unità cinofile della Polizia di Stato. Le auto storiche della Polizia di Stato hanno fatto da cornice all’evento, allietato anche dalle note della band “Mistura”, con il poliziotto - musicista Marcello Giona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polizia di Stato spegne 166 candeline (video)

FrosinoneToday è in caricamento