menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inquinamento, la provincia di Frosinone maglia nera per le PM10

I dati dell'ultimo quinquennio diffusi dall'Arpa Lazio confermano una situazione drammatica. Magliocchetti: "Nonostante le politiche di contrasto gli sforamenti superano quota 50"

L’ARPA Lazio, ha pubblicato oggi sul proprio sito l’aggiornamento sugli indicatori ambientali della Regione. Desta forte preoccupazione, anche se la circostanza è tristemente nota da tempo, il dato sul numero di sforamenti di particolato atmosferico PM10 registrato in provincia di Frosinone nel periodo 2013-2017, che l’ARPA certifica oggi ufficialmente con dati numerici oggettivi.

Frosinone e Roma in vetta

L’ARPA scrive nel rapporto: ”La situazione si presenta differenziata sul territorio regionale: le condizioni più critiche si registrano nella provincia di Frosinone e nel comune di Roma per tutti gli anni in studio, come da figura seguente. Le criticità sono dovute, per ciò che riguarda Roma, al traffico urbano e al riscaldamento civile, mentre per Frosinone alla coesistenza di particolari condizioni micrometeorologiche, di insediamenti produttivi, di traffico e di riscaldamento in una zona con orografia complessa quale la Valle del Sacco”

I dati oggettivi

"Una situazione veramente drammatica in provincia di Frosinone - commenta il consigliere Danilo Magliocchetti - laddove il territorio ciociaro risulta, sempre nel periodo monitorato 2013-2017, il peggiore di tutti gli altri del Lazio per sforamenti da PM10, sia nelle zone urbane da traffico e industriali (UT), sia nelle zone urbane di fondo (UB), che in quelle rurali (RB).

Anno 

2013

2014 2015 2016 2017
Roma 30 30 36 26 17
Latina 21 18 24 9 8
Rieti 22 22 11 17 9
Viterbo 1 7 0 1 0
Frosinone 74 75 81 59 51

Valori allarmanti

Mentre nelle altre province del Lazio, gli sforamenti si abbassano di parecchio, fino ad arrivare sotto la decina, tranne Roma che arriva comunque a un accettabile 17, in quella di Frosinone, nonostante le politiche di contrasto all’inquinamento adottate un po' da quasi tutti i Comuni, i valori di superamento arrivano oltre quota 50.

È chiaro che una simile situazione di così gravi valori di PM10, non può non destare attenzione e preoccupazione in provincia di Frosinone, sia per l’impatto del traffico veicolare sull’ambiente, sia per la persistente criticità della Valle del Sacco, che è ben lontana dall’essere stata superata, sia per l’incidenza delle PM10 sulla patologie tumorali. Una circostanza che sembra ancora non aver sufficientemente sollecitato le coscienze di tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento