Giovedì, 17 Giugno 2021
Attualità

Asl, numeri delle attività sanitarie no Covid: a Frosinone calo complessivo molto più contenuto rispetto ad altre realtà

Studi specifici hanno dimostrato che più della metà degli italiani ha paura di recarsi in ospedale per effettuare anche visite specialistiche. In provincia di Frosinone c'è stato un calo molto più contenuto rispetto ad altre realtà

"Analizzando i dati dell’attività sanitaria della ASL di Frosinone dall’inizio della pandemia - si legge nella nota dell'Azienda Sanitaria Locale - ci si sorprende di quanto lavoro sia stato portato avanti e di come la scelta fatta sulla rete ospedaliera della nostra Provincia in Area Nord e Area Sud, con i due ospedali COVID a Frosinone e Cassino, sia stata vincente nei risultati.

In generale, infatti, la sanità no Covid è stata penalizzata, sia per le inevitabili riorganizzazioni ospedaliere che hanno costretto ad accentrare i posti letto su Covid-19, sia perché le persone erano riluttanti ad accedere ai servizi sanitari specie se ospedalieri.
Studi specifici hanno dimostrato che più della metà (55%) degli italiani ha paura di recarsi in ospedale ed anche visite specialistiche in ospedale (51%), stessi risultati sono stati ottenuti anche in Francia, Germania, Spagna e Regno Unito".

A Frosinone calo complessivo molto più contenuto rispetto ad altre realtà

"A fronte di questi dati invece nella ASL di Frosinone, analizzando l’attività specialistica ambulatoriale dell’anno 2019 al confronto con quella dell’anno 2020, si evidenzia un calo complessivo tutto sommato molto più contenuto. Fatto il complessivo delle attività di specialistica ambulatoriale risulta calata del 35% (788.873 vs 526.616) che rappresenta un valore incoraggiante rispetto ad altre realtà che hanno segnato riduzioni vicine al 50% quasi in tutta Italia. Il dato va peraltro correttamente interpretato tenendo conto che per alcuni mesi le autorità competenti hanno disposto la sospensione di alcune attività di specialistica ambulatoriale e alla ripresa con un notevole allungamento di tempi per ogni visita per garantire distanziamenti e sanificazioni.

A fronte di ciò, le attività consentite dalle norme sono state regolarmente garantite agli utenti come dimostra l’aumento delle visite specialistiche di nefrologia ( 79.781 del 2019 a 81.548 del 2020) ed il calo estremamente contenuto delle prestazioni relative alla branca oncologica ( 26.104 del 2019 a 23.288 del 2020) e ostetricia e ginecologia ( 18.662 del 2019 a 13.082 del 2020) che registrano una diminuzione solo del 10%".

Nei primi tre mesi del 2021 aumentate le attività di screening mammografico

"La diminuzione dei ricoveri - prosegue l'Azienda Sanitaria Locale -  è stata del 22% e quello degli interventi chirurgici del 31%, ma va sottolineato come l’attività chirurgica di elezione sia stata la principale attività ospedaliera sospesa a livello nazionale per alcuni mesi con il mantenimento esclusivo degli interventi urgenti e quelli legati all’oncologia. All’interno di questo scenario si è assistito all’aumento dell’attività chirurgica relativa alla neurochirurgia con un aumento da 242 interventi nel 2019 a 300 nel 2020 ed all’aumento di angioplastiche coronariche (480 nel 2019 a 486 nel 2020), anche gli interventi ortopedici legati alla chirurgia protesica ( 319 nel 2019 a 255 nel 2020) mostrano una diminuzione inferiore alla media aziendale.

Nel campo della prevenzione oncologica, un importante aspetto è legato alla sospensione degli screening oncologici nella fase iniziale della pandemia e questo ha comportato a livello nazionale una riduzione generalizzata del 50% che, secondo l'Osservatorio nazionale di screening, è quantificabile nell’annullamento di un milione e 400 mila esami di screening che dovranno essere riprogrammati.

Anche la ASL Frosinone ha visto un calo delle attività di screening in linea con l’andamento nazionale, più marcato per lo screening mammografico ma che mostra una ripresa incoraggiante nei primi mesi del 2021 pur se gravata dalle norme previste per il distanziamento. Da gennaio ad aprile 2021 lo screening mammografico è incrementato del 38%, quello della cervice uterina del 63% e quello del colon retto del 236%".

"Grande è lo sforzo della direzione sanitaria guidata da Simona Carli - conclude l'ASL - per far sì che il 2021 sia un anno a fortissima ripresa ma soprattutto accompagnato da cambiamenti gestionali che riportino sul territorio una nuova organizzazione dei servizi a partire da percorsi diagnostici terapeutici che assistono il paziente totalmente nella patologia (diabete, ipertensione e cardiopatia soprattutto) offrendo un nuovo servizio anche dato dai consulti a distanza che abbiamo appena attivato con un grande professionista, il dott. Sergio Pillon che sta rivoluzionando il sistema in ASL di Frosinone per incrementare le televisite e i teleconsulti anche da territori remoti che possano ricevere tutta l’assistenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asl, numeri delle attività sanitarie no Covid: a Frosinone calo complessivo molto più contenuto rispetto ad altre realtà

FrosinoneToday è in caricamento