menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Settore ridotto all’osso: il Comune capoluogo assume assistenti sociali a tempo pieno e indeterminato

Per i Servizi Sociali di Frosinone, dopo vari pensionamenti e nessun rimpiazzo per via del blocco delle assunzioni dovuto ai debiti, verrà utilizzato un contributo statale di 80 mila euro per il reclutamento di due dipendenti

Nel Comune di Frosinone verranno assunti due assistenti sociali con contratto a tempo pieno e indeterminato. Il Settore dei Servizi Sociali, ormai ridotto all’osso visti i vari pensionamenti e il blocco delle assunzioni determinato dai debiti, tornerà ad avere finalmente nuova linfa. Il tutto grazie alla richiesta un contributo statale: 40 mila euro per ogni assistente sociale, quindi 80 mila.   

 La Giunta guidata dal sindaco Nicola Ottaviani, per ora, ha approvato la delibera contenente i provvedimenti relativi alle nuove assunzioni. L’amministrazione, mediante l’assessorato coordinato da Massimiliano Tagliaferri, intende implementare ulteriormente le attività di attivazione di percorsi di inclusione e di utilità collettiva, al momento portati avanti da un ridotto numero di personale.  

La dotazione organica di questo e altri settori, infatti, è stata interessata negli ultimi anni dalla cessazione dal servizio di numerosi dipendenti senza possibilità di nuove assunzioni. La procedura di Riequilibrio Finanziario attivata dall’amministrazione Ottaviani per sanare il debito dei decenni precedenti, pari a circa 50 milioni di euro, infatti, non consente l’ampliamento della pianta organica.  

Ai fini del potenziamento del sistema dei servizi sociali comunali nella prospettiva del raggiungimento del livello delle prestazioni e dei servizi sociali, definiti, da legge, da un rapporto tra assistenti sociali impiegati sui servizi sociali territoriali e popolazione residente (1 a 5.000 in ogni ambito), la giunta ha stabilito l’assunzione a tempo indeterminato di 2 assistenti sociali con oneri finanziati dallo Stato.  

La legge, infatti, prevede un contributo pari a 40.000 euro annui per ogni assistente sociale assunto a tempo indeterminato dall’ambito ovvero dai Comuni che ne fanno parte. È quindi demandato al Dirigente del Settore servizi Finanziari e Commerciali ed al Dirigente del Settore Servizi alla Persona - Servizio Personale, ciascuno per le rispettive competenze, l'adozione di tutti i provvedimenti conseguenti l'assegnazione delle risorse economiche previste, nei tempi opportuni, tenendo in considerazione gli adempimenti legati alla procedura, anche attingendo a graduatorie in corso di validità a disposizione di altri enti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento