menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La foto ritrae il Pronto Soccorso del Fabrizio Spaziani lo scorso 6 febbraio

La foto ritrae il Pronto Soccorso del Fabrizio Spaziani lo scorso 6 febbraio

Barelle nei corridoi e posti letto esauriti, Ciacciarelli denuncia la situazione dello "Spaziani"

Il consigliere regionale di FI: "La sanità nel Lazio è un sistema al collasso che va totalmente ripensato"

“Ho appreso, con rammarico, che continuano i disagi all’ospedale “Spaziani” del capoluogo.  Barelle con pazienti parcheggiati nei corridoi e posti letto esauriti". È la drammatica situazione descritta dal consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli che già in diverse occasioni ha messo in evidenza le problematiche riscontrate nei diversi presidi ospedalieri della provincia ciociara.

"È accaduto sabato mattina, - racconta in una nota - ma ormai è un film che i cittadini della provincia di Frosinone guardano quotidianamente. Stavolta si è trattato del reparto di Ortopedia, in cui i posti a disposizione sono soltanto 24, tra degenza e day - ospital. È chiaro che ci troviamo di fronte ad un numero insufficiente. Una situazione difficile sia per i pazienti che per gli operatori sanitari, che non hanno alcuna colpa di ciò.

Sanità al collasso

Le cause vanno ricercate in un sistema al collasso che è quello della sanità del Lazio, che va totalmente ripensato, insieme all’assegnazione dei posti letto per ciascun reparto. È da tempo che mi batto per evidenziare le situazioni di grave carenza dell’offerta sanitaria sui territori, dove al problema ormai cronico del sovraffollamento dei pronto soccorso, legato inevitabilmente all’insufficiente numero dei posti nei reparti ed alla carenza del personale sanitario, medico e paramedico, si aggiungono le interminabili liste di attesa per esami e visite diagnostiche che vedono gli utenti costretti a ricorre con sempre maggiore frequenza alle cure private, o al ricorso ai cosiddetti viaggi della speranza fuori regione.

Una situazione non più tollerabile. Da sempre denuncio le mancanze dell’offerta sanitaria laziale, e in particolare della  provincia di Frosinone; episodi di questo genere, che oramai si ripetono con una certa frequenza, mi impongono di continuare la mia battaglia in Consiglio regionale a difesa del territorio. Io non mollo.”  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento