Frosinone in lizza per ospitare il Lazio Pride. Forte sostegno dal Pd

Sei le città laziali candidate per la manifestazione in favore dei diritti lgbt. Secondo gli ultimi aggiornamenti il capoluogo ciociaro è il favorito

Frosinone potrebbe presto ospitare i colori dell'arcobaleno del Lazio Pride. È infatti tra le città favorite per ospitare la quarta edizione della manifestazione Lazio Pride sui diritti lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender). Gli ultimi aggiornamenti delle votazioni che si stanno svolgendo in questi giorni sia su Instagram che su Facebook, danno la Città in vantaggio su tutte. A concorrere, ricordiamo, sono anche Albano Laziale, Ostia, Viterbo, Guidonia, Latina. 

Il supporto 

Una candidatura che sta generando tanti consensi e qualche perplessità. Netta posizione a favore da parte del Pd locale. La consigliera comunale Alessandra Sardellitti, sul proprio profilo, invita a votare Frosinone con un cuore (ad ogni città è infatti attributa una "reazione"). 

Lazio Pride-2-2

Appoggio totale arriva anche dai Giovani democratici che scrivono: "Non ci sorprendono le reazioni di una certa destra alla notizia della candidatura di Frosinone. La loro opposizione è un motivo in più per sostenere questa candidatura, perché vuol dire che nella nostra provincia c’è chi vuole negare la libertà e diritti delle persone, c’è chi vede la comunità lgbtq come un qualcosa di cui vergognarsi e da nascondere, altroché organizzare una manifestazione pubblica. Noi daremo tutto il supporto ai promotori per far si che Frosinone ospiti il Pride del 2019 e continueremo a batterci per i diritti delle persone".

Contrari

Poco entusiasta dell'idea è sembrata essere la responsabile provinciale della Lega giovani, Maria Veronica Rossi che ha dichiarato: "Conosco molte persone e ho amici gay che non hanno il bisogno di manifestare per esprimere e far valere la propria persona. Spesso il Pride è stato usato solo come mossa per attaccare la Lega e la politica". Sulla stessa lunghezza d'onda anche il pensiero di altri esponenti politici. Secco No arriva anche da CasaPound e Gioventù Nazionale che parlano di un'ostentazione dell'omosessualità più che una lotta per la conquista dei diritti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento