“Ripartiamo dai borghi”: Confagricoltura chiede investimenti per le aree interne ed il turismo rurale

Si punta ad un nuovo modello turistico, più sostenibile, capace di valorizzare l’aspetto rurale attraverso un progetto che punti sulla accessibilità strutturale e digitale delle aree interne e sull’innovazione

Il presidente Confagricoltura Frosinone, Vincenzo del Greco Spezza

Un grande progetto per il rilancio delle aree interne del nostro Paese. Èl’idea lanciata da Confagricoltura durante l’evento “Ripartiamo dai borghi” al sottosegretario al Mibact Lorenza Bonaccorsi. Le aree interne curate dagli agricoltori rappresentano un patrimonio culturale dei territori e talvolta un polo di attrazione turistica, come dimostra la crescita dell’enoturismo. “La pandemia ed il lockdown – spiega il presidente di Confagricoltura Frosinone, Vincenzo del Greco Spezza – hanno fatto riscoprire l’importanza di aree per le quali occorre avere una nuova attenzione per un vero rilancio dell’economia. La nostra organizzazione chiede di ripartire dai borghi con investimenti in infrastrutture, progetti di rivitalizzazionedi fabbricati agricoli che non hanno più un uso agricolo, mettendoli al servizio della comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rilancio aree interne

Un’opportunità da cogliere al volo perché in grado di portare allo sviluppo del turismo e al rilancio delle aree interne, con vantaggi economici per agricoltori, commercianti, ristoratori e artigiani”. Dunque un nuovo modello turistico su cui puntare, più sostenibile, capace di valorizzare l’aspetto rurale attraverso un progetto che punti sulla accessibilità strutturale e digitale delle aree interne e sull’innovazione: “La nostra organizzazione – sottolinea del Greco Spezza – proprio in questa direzione, ha da tempo stipulato accordi con l’UNCEM (Unione Nazionale Comuni ed Enti Montani), per la valorizzazione e la riorganizzazione delle aree interne e con l’Associazione Dimore Storiche italiane per salvaguardare il patrimonio culturale privato del nostro Paese. A fianco a queste due iniziative anche il programma “Spighe Verdi” realizzato in collaborazione con FEE Italia, che premia i comuni più virtuosi dal punto di vista della sostenibilità e, più in generale, promuovendo l’agricoltura sociale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 5 borghi da visitare in Ciociaria

  • Coronavirus in Ciociaria: uno dei 2 nuovi casi è un 51enne di Pontecorvo andato al pronto soccorso

  • Cassino, grave schianto tra auto lungo la Casilina in direzione Cervaro

  • Omicidio Willy, gli aggressori percepivano il reddito di cittadinanza

  • Coronavirus, reso noto il boom di casi in Ciociaria. D'Amato: 'Assembramenti di genitori all'entrata delle scuole'

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 19 e domenica 20 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento