menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coordinamento Schioppo Bene Comune: "Ecco il Parco che vogliamo al Fiume Cosa"

Ben venga un progetto per il parco finalizzato a ricucire il rapporto tra "fiume e città", tra Frosinone alta e bassa, la qual cosa renderebbe l'asta fluviale il cuore verde della città e dunque anche segno identitario della stessa

Il Coordinamento “Schioppo Bene Comune”, con riferimento agli interventi di esponenti dell'Amministrazione comunale apparsi di recente sulla stampa locale in merito alla realizzazione del Parco del Fiume Cosa, ritiene di dover esplicitare la propria visione su come dovrebbe configurarsi un progetto di parco che interessi il tratto urbano del fiume Cosa e le sue aree spondali.

Il dibattito in corso ha focalizzato l'attenzione sull'accesso agli stanziamenti piuttosto che su ciò che si intende realizzare. È invece a nostro avviso prioritaria la condivisione dell'idea progettuale di fondo che ispira gli interventi desiderati sull'area. Tale idea, peraltro, non può non scaturire dalla conoscenza acquisita di chi il fiume lo frequenta e lo vive, ne conosce le dinamiche idrogeologiche e lo stato del suo ecosistema, e sa comprendere il valore della biodiversità che ospita. Perché per progettare è necessario saper ascoltare il fiume, conoscerne il respiro fatto di alternanza stagionale di piene e siccità, che vincola in modo molto rigido le possibilità di intervento.

Noi crediamo fermamente che la fruibilità delle aree spondali debba coniugarsi in maniera inscindibile con la tutela e la salvaguardia della naturalità degli habitat, che è il vero patrimonio da consegnare in eredità alle future generazioni. L'obiettivo primario deve essere dunque non certo la realizzazione di interventi costosi, manomissivi o di opere tanto invadenti quanto effimere, quanto piuttosto la conservazione della wilderness, l'arricchimento della diversità floro-faunistica, la preservazione dei servizi ecosistemici resi dall'ambiente fluviale, in una prospettiva di irrobustimento tangibile della resilienza urbana.

Le proposte del Coordinamento Schioppo Bene Comune

Ciò che proponiamo - si legge nella nota del coordinamento -  non è la creazione di un santuario intoccabile e inaccessibile. Proponiamo che siano i cittadini, con la loro partecipazione attiva, gli attori della tutela e cura, nonché i beneficiari ultimi del futuro parco, in un'ottica di ricucitura armonica degli insediamenti antropici esistenti con il corridoio ecologico che attraversa la città da parte a parte e che costituisce oggi un valore aggiunto e identitario di Frosinone. L’autogestione in regime di Bene Comune che si sta sperimentando allo Schioppo, laddove cittadini, associati e non, tutelano, curano e rendono fruibile l’area a tutti i cittadini.

Ben venga dunque un progetto per il parco finalizzato a ricucire il rapporto tra "fiume e città", tra Frosinone alta e bassa, la qual cosa renderebbe l'asta fluviale il cuore verde della città e dunque anche segno identitario della stessa.

Ben venga quindi il parco, purché lo sia non solo nominalmente ma effettivamente. Ben vengano il restauro e la valorizzazione delle antiche mole, purché siano accompagnati dalla tutela delle altre emergenze storiche e archeologiche rinvenibili lungo il corso del fiume. Ben venga la realizzazione di percorsi ciclopedonali a basso impatto, ma contestualmente a un'azione capillare di rimboschimento di essenze arboree autoctone da attuarsi con la partecipazione attiva della cittadinanza e delle scuole.

A questo proposito, deve essere sottolineata la centralità del fiume Cosa e dei suoi ambienti più rappresentativi - come l’area dello Schioppo - oggetto delle cure assidue dei volontari delle nostre Associazioni, come anche l’area di Maniano, Mola Vecchia, Vignali-Fontana Tonica, nell’educazione ambientale delle nuove generazioni, vero pilastro nella costruzione di una comunità che sappia confrontarsi con le immani sfide poste dalla crisi ecologica e climatica.

Rifuggiamo dunque dall'idea di un parco come l'ennesima opportunità, dipinta stavolta di verde, per distribuire denaro pubblico e prebende dai ritorni elettorali, ma sosteniamo invece con forza il progetto di un parco vero in cui tutti possano sì camminare ma in punta di piedi, un parco autenticamente tale in grado di riconciliare i frusinati con la natura dimenticata che nonostante tutto ancora prorompe nel cuore della città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento