menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, nessun decesso e due soli contagi, maggio lascia ben sperare

La provincia di Frosinone continua ad avere un trend positivo anche se la prova del 'nove' arriverà“ da lunedì 4 maggio con le prime riaperture graduali

Nessun decesso e due soli contagi in provincia di Frosinone nella giornata di sabato 2 maggio 2020 come rende noto l'assessore regionale alla Sanità attraverso il bollettino ufficiale (15 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. USCA-R al lavoro per indagine epidemiologica nelle RSA e case di riposo del territorio). Il trend positivo continua ad essere stabile. L'epidemia del Coronavirus sembra aver avuto un gran rallentamento ma l'attenzione deve restare sempre alta soprattutto in vista del lockdown di lunedì 4 maggio. I cittadini potranno tornare ad uscire ma con l'obbligo di indossare mascherina e guanti e di mantenere la distanza di sicurezza. 

I monitoraggi della Regione

Il bollettino regionale diramato ogni giorno attraverso la pagina social 'Lazio Salute' per quanto riguarda la provincia di Frosinone evidenzia come anche nelle principali RSA dell'intero territorio la situazione stia tornando gradualmente alla normalità. 

Il deterrente 

A frenare i contagi dall'11 marzo ad oggi sono stati soprattutto i tanti controlli che la Prefettura ha messo in campo con l'ausilio di tutte le forze dell'ordine. In quasi due mesi sono state oltre ottanta mila le persone controllate mentre oltre 3000 sono state quelle multate per aver violato il decreto Legge. Un centinaio le persone denunciate. Gli esercizi commerciali controllati in tutta la Provincia da Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Provinciale e Polizia Locale sono stati 31mila mentre quelli multati 88.

I furbetti

La nota dolente arriva con le attività che sono state chiuse su disposizione del Prefetto per aver violato gli obblighi di legge: 31 in tutto il comprensorio. Un dato che fa riflettere e la dice lunga su come, in molti, non hanno compreso la necessità di rispettare quelle regole e normative indispensabili per tutelare se stessi ed i clienti da eventuali contagi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento