menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il rientro a scuola fa discutere: si va verso lo sciopero degli studenti per lunedì 11 gennaio

I rappresentanti dei vari Istituti della provincia di Frosinone si sono confrontati online per decidere se tornare tra i banchi dopo mesi di didattica a distanza: “Non siamo contro il rientro ma contro il modo in cui dovremmo rientrare”

Finite le feste di Natale adesso è tempo di ritornare tra i banchi di scuola, una fase che tutti noi abbiamo vissuto nella propria adolescenza. Quest’anno però, causa Covid, è un ritorno anomalo e che non sta passando di certo inosservato. Le scuole ripartiranno, nella maggior parte dei casi, lunedì 11 gennaio, con gli alunni che torneranno a varcare i cancelli dei propri istituti dopo diversi mesi di didattica a distanza.

Un ritorno tra i banchi che fa discutere

Un ritorno che sta facendo storcere il naso a molti, compreso Ottaviani. “Il ritorno in aula degli studenti, a pieno regime – ha dichiarato il sindaco di Frosinone qualche giorno fa – è sicuramente un obiettivo comune del Governo, della Regione e di tutti gli enti locali. Ma ci devono essere le premesse logistiche e sanitarie che permettano la normalizzazione della situazione in perfetta sicurezza e senza creare disagi più gravi, di quelli attuali, alle famiglie, poiché la cura rischierebbe di essere peggiore del male. È necessario pianificare attentamente le prossime tappe, senza avventurarsi in proiezioni teoriche molto lontane dall’attuale assetto del sistema dei trasporti pubblici, soprattutto intercomunali, verificando le esigenze dei docenti, del personale Ata, degli studenti e delle famiglie nei singoli istituti scolastici, soprattutto in riferimento alla mobilità in ingresso e in uscita dal capoluogo e dalle città più grandi dell’intera provincia”.

Il piano, per arginare il Coronavirus, prevede due fasce orarie di ingresso: la prima alle 8 per il 40% degli studenti, la seconda alle 10 per il 60%. Il rientro degli studenti è previsto al 50% fino al 15 gennaio, per poi salire alla percentuale del 75. Due le fasce orarie di ingresso: una alle 8 (40% studenti) e una alle 10 (per il 60%). L’attività didattica in presenza andrà pianificata su cinque giorni, ma quando si passerà al 75% in presenza si potrà andare a scuola anche il sabato, solo se servirà, e si potrà entrare tutti alle 8.

La posizione degli studenti: si va verso lo sciopero

Una situazione che ovviamente complica la vita anche agli studenti che, proprio per lunedì 11 gennaio, sono intenzionati a non entrare nelle proprie aule e a scioperare. Gli studenti di tutte le scuole di Frosinone e provincia in questi giorni si sono riuniti online per confrontarsi riguardo ad un possibile rientro e reputano imbarazzanti le modalità con cui dovrebbero rientrare: "Non siamo contro il rientro ma contro il modo in cui dovremmo rientrare – ci racconta Simone Vona rappresentante d'istituto del Volta di Frosinone - Assurdo fare lezione fino alle 15:00/16:00 per poi tornare a casa, se tutto va bene, poco prima delle 18:00, pranzare, e mettersi a studiare quando oramai saremo stanchi morti. Ma soprattutto assurdo di come non siano state prese in considerazione tantissime problematiche, per esempio i mezzi di trasporto pubblici, assenti in diverse località oppure con orari inutili o impossibili da prendere per noi studenti.

Dello stesso avviso anche il rappresentante degli studenti del Liceo Severi di Frosinone, Giuseppe Manzo: "Come rappresentante degli studenti sento la necessità di riportare il disagio percepito da tutti i miei compagni. Dopo lunghi mesi di didattica a distanza, in cui ci hanno promesso di rivalutare la scuola e di star lavorando per un rientro in sicurezza, vogliamo rientrare nelle nostre classi e poter affrontare i nostri anni di formazione in piena sicurezza, ma questo non avverrà se non ci saranno reali soluzioni. Ora vogliamo essere considerati quello che siamo veramente, non irresponsabili, ma il vostro futuro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Lazio rischia di tornare in zona arancione dal 17 maggio. Ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Mostre

    Veroli, Daimon - mostra d'arte

  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento