menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cerimonia solenne per la 73^ festa della Repubblica (foto)

Consegnate le onorificenze e una medaglia ad un deportato da parte del prefetto Portelli

In piazza della Libertà a Frosinone si è svolta la significativa cerimonia per il 73° anniversario della Repubblica italiana alla presenza di tanti semplici cittadini e di quasi tutti i primi cittadini ed i vertici militari e religiosi. L’evento è stato caratterizzato dal discorso del Presidente Emerito del Consiglio di Stato Prof. Alessandro Pajno che ha toccato i punti salienti della Costituzione.

Il prefetto Ignazio Portelli ha letto il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha invitato a: “nel vostro impegno costante a tutela della sicurezza e serenità della convivenza, vi orienta lo spirito della Costituzione Repubblicana, dei diritti e dei doveri dei cittadini che essa proclama così come dei limiti che pone alle autorità, nel segno del primato della legalità. Il Coordinato impegno delle forze di Polizia rappresenta una leva fondamentale per rafforzare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni democratiche e affrontare le paure, prevenendo possibili spinte irrazionali alla violenza e al rifiuto delle regole”.

Subito dopo c’è stato lo spettacolare  dispiegamento, sulla parete del Palazzo del Governo, del drappo tricolore da parte del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco. La cerimonia è stata conclusa dalla apprezzata Banda “Romagnoli” della Città di Frosinone.

Al termine della cerimonia, nella Sala Purificato della Prefettura, sono state consegnate quattordici onorificenze al merito della Repubblica italiana ai nostri concittadini distintisi in modo significativo per il loro impegno professionale e sociale. Il  titolo di Cavaliere della Repubblica è stato consegnato dai rispettivi sindaci e dallo stesso Prefetto a:  Bottini Mauro, Cardinali Luca, Colantonio Efisio, D’erme Pierluigi, Falconi Serafino, Gallozzi Alessandro, Maggi Franco, Martini Emilio, Massaro Libero Angelo, Miretto Gaetano, Sabatino Luca, Tanzi Donatella, Tomassi Guido. Al dott Achille Pagliuca è stato conferito il titolo di Grande Ufficiale.

Particolarmente toccante poi, è stata la cerimonia della consegna di una Medaglia d’Onore in memoria di un deportato ed internato nei lager nazisti, ritirata dai nipoti e consegnata dai due Sindaci di Anagni Daniele Natalia e Agostino Agostini di Acuto insieme ovviamente al Prefetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento