A rischio chiusura le Coop di Frosinone, Fiuggi e Colleferro. Preoccupazione per i lavoratori

I sindacati annunciato serrate e proteste, i vertici aziendali parlano di perdite sostanziali e di cessione dei punti vendita

Che la situazione dei supermercati Coop presenti in Ciociaria ed a Sud di Roma non fosse rosea già lo si sapeva da tempo ma con l’approvazione del rendiconto di bilancio del 2017 c’è il serio rischio che i punti della grande distribuzione alimentare presenti a Frosinone, a Fiuggi ed a Colleferro vengano chiusi. Decisione che potrebbe portare alla perdita di lavoro per un centinaio di dipendenti. Questo quanto si apprende da fonti di stampa (dal Tirreno ed. Livorno), ma ci sono varie tappe che stanno portando a questa decisione ed ovviamente i sindacati preannunciano serrate e proteste, mentre l’azienda parla di vendita dei punti Coop e quindi di un  passaggio di proprietà ma con il mantenimento dei livelli occupazionali.

La comunicazione

La decisione è stata comunicata ai sindacati il 5 settembre scorso. Durante quella riunione, la direzione aziendale ha presentato il bilancio 2017 e annunciato la decisione di ridurre i costi. Una riduzione che passerebbe sia tramite la cessione dei negozi, sia tramite la revisione del contratto integrativo aziendale.

I sindacati proclamano lo stato d’agitazione a livello nazionale

In contrasto con le decisioni della direzione aziendale, i sindacati hanno annunciato lo stato d’agitazione a livello nazionale. In particolare sulla vicenda si registra una nota della Uiltucs nazionale, che riportiamo di seguito. “Durante la riunione del 5 settembre 2017 Unicoop Tirreno annuncia la riduzione dei costi (superamento del Contratto integrativo aziendale) con un taglio dei “rami secchi” grazie a una cessione a terzi (10 punti vendita con 270 lavoratori nel Lazio tra i casteli romani, le zone a sud di Roma e la Ciociaria) – si legge in una nota sindacale appunto - e guarda all’aumento delle vendite per riportare la gestione caratteristica in attivo entro il 2020. La Cooperativa che nel 2017 ha realizzato vendite per circa 950 milioni di euro, con un risultato di esercizio in perdita di 23,5 milioni di euro, materializza un margine operativo negativo per circa 13 milioni di euro. Tale risultato era previsto e malgrado il primo semestre del 2018 riscontra un andamento coerente con le previsioni di bilancio anche mettendo in evidenza leggeri scostamenti positivi relativi al margine operativo.

Le riduzioni sull’orario di lavoro

La cooperativa ha dichiarato di voler agire sul costo orario per ridurlo. Il costo del Cia che ammonterebbe a oltre 10 milioni di euro l’anno è stato giudicato insostenibile, e l’accordo quadro del maggio 2017 sulla gestione della crisi definito ormai superfluo. La cooperativa deve dimostrare che occupazione e livelli salariali rappresentano un fattore da salvaguardare per un positivo rilancio della cooperativa. No alla riduzione dei salari. La cooperativa si impegni a ridurre le differenze inventariali il cui valore (6/7 milioni di euro) è pari a quello del Cia. La cessione a terzi di numerosi punti vendita con relativo personale mette in evidenza l’inefficacia delle politiche del piano industriale varato nel 2017. Lo sviluppo del franchising ridefinisce l’identità della cooperativa stessa. Il sindacato non può partecipare a un disegno che penalizza nuovamente occupazione e salari”, commenta così il segretario Paolo Andreani della Uiltucs Nazionale.

L’incontro al Ministero

Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno chiesto per il prossimo 19 settembre un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, ritenendo le decisioni ingiuste. Da parte sua Unicoop ha fatto sapere di aver deciso di cedere gli 8 supermercati del Lazio perchè “continuano a presentare un conto economico fortemente negativo togliendo risorse necessarie alle ristrutturazioni di altri negozi, alla realizzazione delle politiche commerciali e pesando in maniera rilevante sul bilancio aziendale”.

La nota di Unicoop Tirreno

“In attuazione degli obiettivi del Piano Industriale il Consiglio di Amministrazione di Unicoop Tirreno – si legge nella nota -, nella riunione del 4 settembre, ha dato mandato al Presidente e al Direttore Generale di avviare una trattativa con un operatore della distribuzione commerciale per la cessione di alcuni punti vendita nel Basso Lazio. Si tratta di punti vendita – prosegue il comunicato – che in questi anni hanno presentato un conto economico particolarmente negativo che pesa in maniera rilevante sui risultati della Cooperativa. In coerenza con quanto stabilito nel Piano Industriale la decisione di trattare la cessione è giunta dopo un lungo periodo in cui questi punti vendita sono stati messi sotto osservazione e costantemente monitorati nel tentativo di diminuire fortemente le perdite di esercizio”.

La ristrutturazione

“Alcuni di essi – prosegue la nota – sono stati oggetto anche di importanti iniziative di ristrutturazione. Purtroppo il risultato di questo impegno della Cooperativa non è stato sufficiente a far tornare in positivo la gestione commerciale che continua a pesare negativamente sul bilancio di Unicoop Tirreno. L’obiettivo del Piano Industriale è quello di conseguire il pareggio di bilancio nel 2019 e una delle leve su cui agire è quella della cessione di punti vendita con andamento particolarmente negativo. Il mandato del CdA per la trattativa – conclude il comunicato – è anche quello di operare per assicurare la salvaguardia dei livelli occupazionali dei dipendenti dei punti vendita interessati”.

(foto di archivio)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento