menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Impianto di Biometano, il secco no del settore ambiente e mobilità del Comune

Il parere negativo espresso nel corso di un'apposita conferenza dei Servizi. Mancano il parere della Asl e i dati delle emissioni che una simile struttura può provocare

Si è svolta, nei giorni scorsi, la conferenza dei servizi propedeutica al parere di Valutazione di Impatto Ambientale relativamente alla proposta di installazione di un biodigestore sul territorio. Alla seduta ha preso parte, per Il Comune di Frosinone, il dirigente del settore ambiente e mobilità, l'architetto Giuseppe Sorrentino che ha sostanzialmente confermato quanto dichiarato in precedenza dal collega Elio Noce.

“Alla luce delle note acquisite da parte di alcuni associazioni territoriali e delle illustrazioni ed informazioni fornite da parte dell'operatore privato, oltre che in considerazione delle valutazioni emerse nel corso della riunione della Commissione Consiliare dell'Ambiente del Comune di Frosinone, non si ritiene, in via preliminare, che si possa esprimere parere positivo rispetto alla localizzazione dell'impianto di produzione di biometano nella città di Frosinone ed, in particolare, nell'area indicata dal proponente - si legge nella nota -. A ciò si aggiunga che la frazione di rifiuto organico prodotto dal Comune di Frosinone, anche secondo le indicazioni del proponente, rappresenterebbe una percentuale inferiore al 10% di quella dei rifiuti organici lavorati all'interno del nuovo impianto, ammontante a circa 50.000 tonnellate annue e, dunque, ben al di sopra della necessità del fabbisogno territoriale, anche rispetto alla cosiddetta area vasta".

In sede di conferenza, inoltre, è stato sottolineato come, al momento, non risulti acquisito un parere da parte della locale ASL per approfondire, in modo puntuale, gli aspetti igienico-sanitari dell’impianto. Infine, non sono attualmente a disposizione dati precisi sugli effetti cumulativi derivanti dalla installazione del biodigestore e dalle emissioni provocate da altri agenti sulla qualità dell'aria, in un’area peraltro densamente antropizzata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento