Incendio nella zona industriale, "una città in balia degli e-venti". La preoccupazione dei cittadini

Il rogo è stato definitivamente spento nel tardo pomeriggio di lunedì grazie al lavoro dei Vigili del Fuoco

Come sappiamo sabato scorso è andata a fuoco un’azienda nella zona industriale di Frosinone. L’incendio ha provocato un denso fumo nero che inevitabilmente ha inquinato la zona e i paesi limitrofi. È il secondo nel giro di pochi mesi. Sicuramente un incendio di minore entità rispetto a quello che ha colpito la Mecoris a giugno, ma che ha recato molti disagi e soprattutto domande tra la cittadinanza, giustamente preoccupata per la propria salute.  

Le immagini del rogo

Sia il Comune che il comando provinciale dei Vigili del Fuoco hanno rassicurato sul fatto che non siano emerse situazione di rischio per la popolazione residente. In queste ore però, specialmente sui social, mostrano tutta la propria preoccupazione, rimproverando come sia stato gestito male, a loro modo di vedere, l’accaduto.

La paura dei cittadini sulle conseguenze di quest'ulteriore incendio

Una città in balia degli e-venti - scrive Gerardo su un noto social network - Nella città italiana tra le peggiori con problemi di inquinamento da anni, capita un fatto di questo tipo e non si è pronti. Nella riunione per discutere il da farsi non si è deciso praticamente niente, tanto il vento non tirava verso Frosinone – il cittadino frusinate poi conclude preoccupandosi per le conseguenze che potrebbe avere quest’ulteriore incendio - fra una settimana non se ne parlerà più, ma nel frattempo abbiamo respirato a pieni polmoni quella roba, la pioggia ha fatto sì che tutto quell’inquinamento finisca sui terreni dove si coltiva e sulle falde acquifere.Nessuno paga mai per nulla, e nel frattempo continuiamo su questa bellissima terra a morire e ammalarci di tumore”.

Anche il portavoce del movimento "Al Servizio del Popolo" Dheni è rimasto perplesso per quanto (non) accaduto post incendio: "La prima cosa da fare era avvertire immediatamente la cittadinanza, non solo tramite social, dell'accaduto. In più bisognava chiudere immediatamente il centro commerciale adiacente l'azienda andata a fuoco, per evitare inutili rischi. I dati emersi dicono che non c'è da preoccuparsi ma, considerando l'inquinamento che c'è in questa città, quest'incendio e quello della Mecoris non sono disgrazie, ma tragedie. Sono un nonno e tengo alla salute dei miei nipoti, così come a quella di tutti i nostri giovani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rogo intanto è stato domato dai Vigili del Fuoco

Nel tardo pomeriggio di lunedì i Vigili del Fuoco hanno spento le ultime fiamme presenti nell'azienda. Incendio che, anche grazie alla pioggia caduta copiosa in Ciociaria negli ultimi due giorni, è stato domato in poco più di 48 ore. Adesso non resta che attendere, se ce saranno, ulteriori informazioni dagli organi di competenza sulle conseguenze nell'atmosfera a causa del rogo di sabato scorso nella zona industriale di Frosinone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna rom occupa appartamento di un anziano deceduto, i vicini si ribellano: scoppia la baraonda

  • Lotta alla prostituzione sullo stradone Asi. Multe a meretrici e “papponi”

  • Cassinate, schianto lungo la Casilina, un'auto ribaltata e un furgone distrutto (foto)

  • Cade in dirupo sui monti di Terelle, corsa contro il tempo dei soccorritori

  • Centraline per auto contraffatte, azienda ciociara nei guai: 29 denunciati

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento