rotate-mobile
Mercoledì, 4 Ottobre 2023
Attualità

Lazio Pride, la soddisfazione di Capogna e Zimarri: "Rappresenta un modello di società inclusiva"

Grande sostegno per la manifestazione che verrà ospitata nel capoluogo ciociaro il prossimo 22 giugno

“Siamo molto felici che il Lazio Pride abbia scelto Frosinone per la manifestazione. Come Possibile non mancherà il nostro sostegno ed il nostro contributo” affermano Gianmarco Capogna e Umberto Zimarri, il primo Portavoce Nazionale di Possibile LGBTI+ ed il secondo Candidato alle Europee di Europa Verde per Possibile nella circoscrizione Centro, a seguito della notizia che il prossimo Lazio Pride si svolgerà nel capoluogo ciociaro il prossimo 22 Giugno 2019.

Inclusione

“Una manifestazione come il Pride, non riguarda solo le persone LGBTI ma tutte e tutti perché promuove un modello di società inclusiva che accoglie le differenze come forma di ricchezza e contrasta ogni forma di odio e discriminazione. Proprio per questo auspico una grande partecipazione da parte di associazioni, movimenti, collettivi, cittadine e cittadine per un grande momento collettivo di rivendicazione politica per la piena uguaglianza ed i diritti umani di tutte e tutti” prosegue Gianmarco Capogna “Apprezziamo molto che il Comitato Organizzatore abbia deciso di portare la manifestazione anche a Frosinone per arrivare in nuove realtà e trasformare anche le province in luoghi sicuri per le persone LGBTI. Registriamo ancora un grande silenzio intorno a questi temi, un muro inaccettabile che dobbiamo distruggere. Sono certo che il Lazio Pride servirà anche a questo, il momento è ora. Da Possibile arriverà tutto il sostegno ed il contributo necessario”.

Contrasto omofobia e transfobia

Positivo è anche il commento di Umberto Zimarri, candidato alle Europee con Europa Verde e consigliere comunale a San Giovanni Incarico: “il Pride è una manifestazione di grande importanza ed è fondamentale che arrivi anche nella nostra provincia. Lo spirito con il quale ho scelto di candidarmi è quello di portare il territorio in Europa ma anche l’Europa tra i territori. In questi anni il Parlamento Europeo si è speso tantissimo per i diritti delle persone LGBTI chiedendo agli Stati membri di prevedere politiche d’uguaglianza che superassero le discriminazioni presenti. Tra i gruppi più attivi su questo c’è stato quello dei Verdi Europei che oggi sosteniamo con la lista Europa Verde. Proprio per questo se eletti continueremo il lavoro e faremo pressione anche per misure concrete sul piano nazionale, battendoci per una legge contro omofobia e transfobia, e su quello locale, chiedendo un impegno serio delle amministrazioni per costruire città accoglienti per tutte e tutti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lazio Pride, la soddisfazione di Capogna e Zimarri: "Rappresenta un modello di società inclusiva"

FrosinoneToday è in caricamento