Lazio Pride, Venturi ad Ottaviani: conceda il patrocinio del Comune

"La città di Frosinone ha la straordinaria occasione di finire sotto i riflettori nazionali per l’organizzazione di un evento di civiltà. Si lasci da parte la politica"

Mancano ormai una manciata di giorni all'evento, previsto per sabato 22 giugno, che ha infiammato per settimane il dibattito, ma l'Amministrazione comunale di Frosinone non ha ancora concesso il proprio patrocinio. Sulla locandina del Lazio Pride, accanto allo stemma dell'Ente Provincia, della regione Lazio e  di molti altri, non compare quello con il leone dorato. A sollecitarne l'adesione, o meglio ad invitare l'amministrazione a farlo, è il consigliere comunale di opposizione Norberto Venturi definendolo "un segnale di grande tolleranza e di distensione verso una manifestazione che innanzitutto sottolinea e tutela dei diritti. Perché di questo si sta parlando.Una manifestazione che fa parte di una serie di iniziative che si svolgono ogni anno in occasione della "Giornata dell'Orgoglio Lgbt", nei giorni precedenti o successivi alla data del 28 giugno, che commemora la rivolta di Stonewall di New York del 1969, data simbolica di inizio del movimento di liberazione omosessuale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'opportunità

La città di Frosinone ha la straordinaria occasione di finire sotto i riflettori nazionali per l’organizzazione di un evento di civiltà. Non mi hanno appassionato le polemiche sul percorso, mi appassionano ancora meno le disquisizioni che sento a proposito di una lettura politica dell’evento. Il Lazio Pride è anche una giornata di festa e la parata va inquadrata in tale contesto. Il capoluogo ospita l’evento, sarebbe perlomeno singolare che il Comune non concedesse il patrocinio. E per quale motivo poi? Lasciamo per una volta la politica fuori da tutto questo, dimostriamo che in piazza si va per affermare dei diritti o anche per rispettarli. Perché, oltre ad orgoglio e tolleranza, c’è un’altra parola che va tenuta a mente. Rispetto. Non sono d’accordo con quello che dici, ma darei la vita perché tu possa dirlo.Quanto è attuale ancora oggi la frase attribuita a Voltaire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento