Attualità

Festa della Repubblica, Nicola Ottaviani: "Fondamentale fu il contributo di tante donne e tanti uomini"

Il sindaco di Frosinone auspica che "i valori tramandati dai Costituenti siano di guida, in particolare, per le giovani generazioni, perché lavorino per il progresso del Paese"

Il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, nel giorno della festa in onore della nascita della Repubblica Italiana ha voluto dare un messaggio ai suoi cittadini.

"Oggi - dopo un periodo drammatico, ancora non del tutto concluso - festeggiamo la nascita della nostra Repubblica. Il 2 giugno, infatti, si celebra la data del referendum istituzionale che permise al nostro Paese di intraprendere il cammino verso la modernità, lasciandosi alle spalle la tragedia della guerra, della dittatura, dell’odio e della violenza - ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - Ciò non sarebbe stato possibile senza il contributo e la partecipazione di tante donne e tanti uomini che, attraverso i lavori dell’Assemblea Costituente e l’istituzione della commissione per la Costituzione, raggiunsero una sintesi superiore tra diverse sensibilità, stabilendo, all’interno della nostra amata Carta, i diritti e i doveri derivanti dall’essere cittadini della Repubblica, che trova nella democrazia, nella libertà, nella pace, i suoi valori fondanti".

"Alle Madri e ai Padri Costituenti va rivolto un pensiero colmo di gratitudine: il loro esempio di impegno politico inteso come missione civica è un monito rivolto all’intera comunità affinché la partecipazione, strumento primario al servizio della democrazia, continui a essere un mezzo di crescita collettiva e di solidarietà. Auspico che i valori tramandati dai Costituenti siano di guida, in particolare, per le giovani generazioni, perché lavorino per il progresso del Paese, nel rispetto della convivenza civile, della tolleranza, della giustizia e della coesione sociale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della Repubblica, Nicola Ottaviani: "Fondamentale fu il contributo di tante donne e tanti uomini"

FrosinoneToday è in caricamento