Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità

La nuova viabilità del centro storico non piace, Legambiente: "Serve la Ztl"

Legambiente ha monitorato il traffico dopo l’istituzione della nuova viabilità: le problematiche trovate

La nuova viabilità nel centro storico di Frosinone non piace a Legambiente che torna a chiedere l’istituzione della ztl. "A seguito della chiusura al traffico di largo Turriziani - spiega il presidente del Circolo Legambiente di Frosinone, Stefano Ceccarelli - per i lavori della nuova piazza pedonale e delle modifiche intervenute sui sensi di marcia (in particolare su via De Gasperi e via Maccari), il Circolo Legambiente di Frosinone ha effettuato delle rilevazioni sui flussi di traffico provenienti da largo Sant’Antonio, allo scopo di verificare l’impatto della nuova viabilità sugli accessi veicolari al centro storico".

"Le rilevazioni - prosegue Ceccarelli - si sono svolte il 27 e 28 maggio scorsi dalle 18:30 alle 19:30: è stata effettuata la conta dei veicoli che imboccano corso della Repubblica da largo Sant’Antonio e individuata la direzione da essi percorsa, ovvero: verso via De Gasperi e via Ciamarra (ramo dall’intersezione con via De Gasperi fino all’uscita della rampa del parcheggio multipiano); verso via De Gasperi e via Ciamarra (passando per la rampa di collegamento che porta al parcheggio multipiano); verso via De Gasperi in direzione piazza VI Dicembre; verso corso della Repubblica, via Fratelli Bragaglia e via Maccari; verso corso della Repubblica, via Fratelli Bragaglia e via Angeloni; verso corso della Repubblica, via Fratelli Bragaglia e via Moccia/via Don Morosini".

Il monitoraggio

Il monitoraggio ha evidenziato due risultati: il divieto di transito eccetto residenti nel primo tratto di via Ciamarra è largamente disatteso dagli automobilisti: infatti, dei 122 veicoli diretti a via Ciamarra il 27 maggio, solo 18 (il 15%) ha percorso la rampa di collegamento con il multipiano; leggermente migliore il rapporto misurato il 28 maggio, con 40 veicoli su 158, ovvero il 25%. Più di una vettura su cinque proveniente da largo Sant’Antonio continua ad imboccare via Angeloni oltrepassando Porta Campagiorni. Più esattamente, 123 vetture su 532 il 27 maggio (23%) e 115 su 530 il 28 maggio (22%) hanno attraversato le vie del centro storico, nonostante con il doppio senso su via De Gasperi e l’inversione del senso unico su via Maccari gli utenti dispongano ormai di numerose alternative.

"Dunque - conclude Ceccarelli - i timori che avevamo espresso un anno fa con il lancio della vertenza per richiedere l’istituzione della ztl nel centro storico erano fondati: l’asse via Angeloni/via Garibaldi continua ad essere interessato da un significativo flusso di traffico prevalentemente di attraversamento (la stima fu all’epoca del 62%). Alla luce dei dati raccolti e dell’inconsistenza delle obiezioni di un’amministrazione che pure dice di voler virare verso politiche di mobilità sostenibile, ribadiamo pertanto la richiesta già presentata alla cittadinanza e agli stakeholder in occasione dei flashmob del 6 luglio 2023 e 3 febbraio 2024, per l’istituzione di una ztl con varchi elettronici sull’asse via Angeloni - via Garibaldi, con ingresso limitato ai residenti, al carico-scarico merci e agli altri utenti che avranno motivata necessità di accedere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova viabilità del centro storico non piace, Legambiente: "Serve la Ztl"
FrosinoneToday è in caricamento