Attualità

Ottaviani rilancia sulla riapertura delle scuole: "nei capoluoghi maggiori criticità nel sistema dei trasporti"

Solo qualche ora prima il sindaco di Frosinone aveva parlato di una pianificazione più scrupolosa

Continua il pressing del primo cittadino di Frosinone sul governo nazionale e regionale per posticipare la data di riapertura delle scuole secondarie previsto per il 7 gennaio. Il punto cruciale è quello dei trasporti in quanto secondo il sindaco ciociaro nei capoluoghi di provincia ci sarebbero i maggiori disagi in quanto qui confluiscono gli studenti dei comuni limitrofi. Solo qualche ora prima aveva parlato della necessità di una pianificazione più scrupolosa.

“Su una materia delicata come quella riapertura completa dei plessi scolastici, già direttamente dal 7 gennaio, è opportuno rivolgere un appello al buonsenso alle due istituzioni in grado di intervenire, il Ministero e la Regione Lazio – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani - È fin troppo chiaro e comprensibile che la Regione non voglia creare problemi politici alla Azzolina, ma la Ministra non può creare problemi di vita quotidiana e concreta, ulteriori, alle famiglie, soprattutto a quelle che vivono nei capoluoghi di provincia.

Sono queste, infatti, le città investite maggiormente dalla criticità del sistema dei trasporti pubblici, poiché qui transitano migliaia di studenti diretti agli istituti superiori che, normalmente, insistono sulle realtà medio-grandi. Non credo sia necessario scomodare il presidente dell’Accademia dei Lincei o un titolare della cattedra di Ingegneria dei trasporti pubblici per comprendere come Roma, Milano e altre grandi città siano dotate di linee metropolitane oltre che tram e filobus, che costituiscono sistemi dedicati e integrati di trasporti ben diversi da quelli presenti nei capoluoghi di provincia, con frequenze orarie, anzi, di minuti, non assimilabili ad altre realtà locali.

Non si può, quindi, certo paragonare Roma agli altri capoluoghi del Lazio e l’appello che rivolgiamo alla Regione è quello di adottare, senza indugio, provvedimenti integrativi e in deroga rispetto alla previsione di riapertura indifferenziata indicata dal Ministero della Pubblica Istruzione, poiché i cittadini, le famiglie e gli insegnanti vengono prima delle sovrastrutture sorde della politica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ottaviani rilancia sulla riapertura delle scuole: "nei capoluoghi maggiori criticità nel sistema dei trasporti"

FrosinoneToday è in caricamento