Asili nido in Provincia: pochi posti, ma costi contenuti per le famiglie

In Italia solo un bambino su quattro, al di sotto dei tre anni, può accedere a strutture pubbliche e private. L'analisi del consigliere Magliocchetti sui dati della Ciociaria

"Le Amministrazioni Comunali della Provincia di Frosinone, nonostante le oggettive difficoltà finanziarie, in primis il Comune capoluogo alle prese con un onerosissimo piano di riequilibrio, riescono comunque a non incidere profondamente nelle tasche dei propri cittadini, per alcuni importanti servizi a domanda individuale". È la premessa del consigliere comunale e provinciale di Frosinone, Danilo Magliocchetti che analizza i dati dell'indagine pubblicata dal Sole 24 Ore sulla disponibilità di posti negli asili nido e la partecipazione delle famiglie alle spese, riferita all’anno scolastico 2016/2017.

Negli asili nido italiani c’è posto per un bambino su quattro; le strutture pubbliche e private presenti sul territorio italiano, infatti, nel periodo indicato sono state in grado di accogliere solo il 24% dei bambini sotto i tre anni. Il Rapporto di infodata per quanto riguarda il Lazio evidenzia questa situazione (il primo dato è riferito ai posti disponibili per provincia, il secondo alla partecipazione delle famiglie alle spese)

Roma 19,99% e 13,40%; Latina 6,18% e 22,70%; Rieti  8,54% e 17,60%; Viterbo 10,19% e 32,50%; Frosinone  6,43% e 19,20%

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In provincia di Frosinone, se da un lato la disponibilità di posti per i bambini è certamente bassa, la seconda minore nel Lazio dopo Latina, e su questa significativa carenze di strutture bisognerà senz'altro intervenire con risorse finanziarie regionali adeguate. Per quanto riguarda, invece, la partecipazione alle spese da parte delle famiglie, si registra un interessante 19%, che è una percentuale, senza alcun dubbio, estremamente contenuta, sintomatica del fatto che le varie amministrazioni riescono, pur tra mille difficoltà, a contribuire ai costi di gestione con risorse proprie, senza gravare troppo sulle famiglie. Basti confrontare il dato della provincia di Frosinone con quella di Viterbo, dove ci sono ben più di 13 punti percentuali di costi inferiori in Ciociaria, rispetto alle famiglie viterbesi. Questa infografica pone in evidenza un dato oggettivo positivo ed importante, ovverosia che le amministrazioni comunali locali, prescindendo dal colore politico, cercano, per quanto possibile, di compartecipare alla spesa per gli interventi sociali, consapevoli del momento di estrema difficoltà economica delle famiglie e degli stessi Comuni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento