menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indice di criminalità, la classifica del Sole 24 Ore: Frosinone 96esima in Italia

Buona posizione nella classifica generale. Male per i reati legali all'usura che fanno salire la Ciociaria al 16esimo posto. L'analisi del consigliere comunale Danilo Magliocchetti

Dai dati pubblicati oggi dal quotidiano economico il Sole 24 ore, circa l’indice della criminalità nelle 106 province italiane, che analizza le denunce registrate nel 2018, relative al totale dei delitti commessi, emerge che la provincia di Frosinone, con il 96 posto generale assoluto, è un territorio abbastanza tranquillo, per quanto riguarda la criminalità. "Un risultato positivo - commenta Danilo Magliocchetti, consigliere comunale di Frosinone - che si deve, senza ombra di dubbio, all’encomiabile e prezioso lavoro di prevenzione e repressione dei reati che, quotidianamente, svolgono tutte le forze dell’ordine e, per questo, vanno pubblicamente ringraziate.

La migliore nel Lazio

La provincia di Frosinone, in particolare, risulta la migliore di tutte quelle del Lazio, laddove la classifica finale testimonia questa situazione: FR. 96, RI 82, LT 43, VT 70, RM 6.

Tralasciando quella di Roma ovviamente, che costituisce storia a se, per numeri stratagicità politica e territoriale, dimensioni abitanti e ogni ulteriore evidente valutazione, la provincia di Frosinone dimostra una invidiabile collocazione nel Lazio dal punto di vista di molti reati e della criminalità.
Andando ad analizzare le varie tipologie di reati la Ciociaria  si piazza:
Furti con destrezza 77, Furti esercizi commerciali 75, Furti abitazione 83, Rapine 83, Furti auto 72

Usura e incendi

In questo positivo contesto, fotografato dalla classifica generale del Sole 24 ore, sono 2 tipologie di reati, che interessano la provincia di Frosinone, che devono indurre a precise riflessioni e quindi aumentare la soglia di attenzione.
Nello specifico questi reati:
Usura 16 e Incendi 44

Il 16 posto assoluto in Italia per reati legati all’usura, non può tranquillizzare nessuno, come il 44 posto per incendi dolosi, che in un certo qual modo potrebbero questi ultimi, il condizionale è assolutamente d’obbligo, essere, in alcuni  casi di usura, strettamente correlati.

Come fronteggiare il problema

In un momento storico e sociale di grande difficoltà economiche, non solo per le famiglie, ma anche per tante piccole e micro imprese, che non riescono ad avere accesso al credito, il ricorso ai prestiti usurai, potrebbe essere una pratica molto diffusa in Ciociaria. stando ovviamente ai dati pubblicati oggi. Quello che emerge chiaramente è che in un contesto territoriale sicuramente abbastanza tranquillo, bisogna comunque mantenere la guardia ancora più alta, nei confronti dei reati legati all’usura. Magari intensificando i controlli da un lato, e i momenti di dibattito e confronto dall’altro, eventualmente coinvolgendo anche le associazioni di categoria e gli istituti di credito, per evidenziare, in maniera ancor più chiara ed inequivocabile, quali sono i rischi e le conseguenze per coloro che, loro malgrado, finiscono in mano agli usurai".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Frosinone, “CicchiAMO”

  • Eventi

    Alla scoperta di Ferentino sconosciuta

  • Eventi

    Ciaspolata su Colle Le Lisce e Monte Cotento

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento