menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rabbia social per la situazione giardinetti Sacra Famiglia

Sul gruppo Facebook “Noi che amiamo Frosinone” continue lamentele per la situazione di degrado nel quartiere Scalo

Continuano le lamentele e i disagi per la situazione in zona Scalo di Frosinone. Sul gruppo social “Noi che amiamo Frosinone”, molti cittadini e residenti scrivono tutte le problematiche che si trovano di fronte quotidianamente ai giardinetti davanti alla Chiesa Sacra Famiglia.

“Adesso basta. Mi rivolgo al sindaco, prefetto, assessori comunali, questore, noi mamme dei giardinetti Sacra Famiglia – scrive una residente della Stazione - vogliamo al più presto una sanificazione dei giochi che era stata promessa già l’anno scorso, pulizia costante dell’immondizia e la sicurezza dei nostri bambini che puntualmente si ritrovano ad assistere a scene non piacevoli e ad essere insultati”.

“La situazione è indecente, tutti i giorni continuano imperterriti a fare ciò che vogliono, la nostra pazienza è finita – un’altra cittadina del Capoluogo – vogliamo provvedimenti subito. Deve esserci un controllo costante dell’area da parte delle forze dell’ordine”.

“Capita anche qualcosa di peggio – scrive un altro residente esasperato – l’altro ieri nei pressi di Piazzale Europa, durante una delle tante risse tra clandestini, uno di loro ha lanciato un sasso, colpendo il parabrezza dell’auto guidata da mia figlia. Poi c’è stata la fuga di massa e fortunatamente nessun altro danno”.

“È un problema serio. Sono più di tre anni che insieme ad altre mamme combattiamo per farci ascoltare e ancora siamo in questa situazione - commenta una mamma del posto – noi non siamo razzisti, semplicemente vogliamo essere liberi di portare i nostri figli dove vogliamo senza aver paura”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Alatri on air festival

  • Eventi

    Ferentino, weekend di Pasqua insieme

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento