menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, la Saf restituisce 1 Mln di euro ai comuni consorziati

Buone notizie per i cittadini ciociari. Rimborsi maturati a seguito della bocciatura dell’aumento dell’imposta

La vicenda Saf e comuni della provincia di Frosinone sulla tanto odiata ecotassa si arricchisce di un nuovo capitolo ma questa volta a tutto vantaggio dei cittadini. Saf restituisce ai comuni ciociari 1 milione di euro. Proprio in queste ore, negli uffici della spa di Colfelice, sono in fase di emissione le note di credito per redistribuire ai comuni consorziati la quota eccedente di ecotassa relativa alle annualità 2015 e 2016, quando la Regione Lazio decretò il passaggio dell’imposta, a carico dei comuni, da 2,065 a 10,329 per ogni tonnellata di rifiuti conferita in discarica.

L'annullamento del tar

Il provvedimento che introduceva la maggiorazione venne impugnato e poi annullato dal Tar del Lazio. La vicenda fu successivamente (luglio 2018) esaminata dalla Commissione tributaria provinciale di Roma che, con propria sentenza, ordinò alla Regione la restituzione delle maggiori somme incassate sulla scorta di quel provvedimento nel frattempo cassato. Lo scorso 3 maggio la Mad srl, società che gestisce la discarica di Roccasecca, ha comunicato a Saf di aver avviato le procedure per il rimborso delle maggiori somme versate dai comuni nelle more della controversia. Nello specifico, torneranno ai consorziati 629.977,00 euro per l’annualità 2015 e 332.000,00 euro per l’annualità 2016.

Le parole di Migliorelli

“Non appena la Mad srl ci ha comunicato l’avvio delle procedure per il rimborso, ci siamo attivati per restituire le somme, che ammontano precisamente a 961.977,00 euro, ai nostri soci. Entro la fine di maggio – spiega Lucio Migliorelli, presidente della Saf – a tutti i comuni che conferiscono in discarica sarà riconosciuta, con nota di credito, la quota eccedente di ecotassa versata nelle annualità oggetto della controversia legale”. A titolo esemplificativo, il comune di Frosinone riavrà indietro poco meno di 100.000 euro (61.899 per il 2015 e 36.479 per il 2016). Al comune di Cassino torneranno 25.000 euro (15.539 per il 2015 e 9.174 per il 2016). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento