rotate-mobile
Il progetto

Scrivimi quando arrivi, un aiuto sociale per chi si sente in pericolo

Il progetto è rivolto ai giovani, alle ragazze, alle persone che si sentono in pericolo per strada, soprattutto quando devono rientrare da sole a casa

Un gruppo Whatsapp per non sentirsi sola quando si torna a casa. 'Scrivimi quando arrivi' nasce dalla dottoressa Roberta Cassetti e già in poche ore ha avuto centinaia di adesioni nella provincia di Frosinone.

Il progetto è ispirato a quello già nato a Bologna su iniziativa di Samia Outia. Ed è rivolto ai giovani, alle ragazze, alle persone che si sentono in pericolo per strada, soprattutto quando devono rientrare da sole a casa. L’obiettivo principale è fornire un sostegno immediato e pratico a chi ne ha bisogno, promuovendo un senso di comunità e solidarietà. 

Tutto questo  - sottolinea la dottoressa - senza mai sostituirsi alle Forze dell'Ordine. Sono purtroppo sempre di più gli episodi di violenza di genere che accadono in Italia ed in tutto il mondo. Questo tipo di idee possono solamente dare una mano a combattere questi spregevoli episodi.  

Il gruppo Whatsapp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scrivimi quando arrivi, un aiuto sociale per chi si sente in pericolo

FrosinoneToday è in caricamento