menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dispersione di acqua

Dispersione di acqua

L'approfondimento, a Frosinone il 75% dell'acqua pubblica viene sprecata nonostante le bollette "salate"

A questo serio disservizio, si aggiunge la difficoltà nel contattare, in caso di segnalazione di guasti, i responsabili della società, in grado di risolvere rapidamente i disagi degli utenti

Acqua, un bene prezioso da tutelare, ma anche un bene  dai  costi esagerati,  Questo è quanto emerso  da il dossier pubblicato a marzo 2018 dall’osservatorio prezzi e tariffe di “cittadinanzattiva sui costi sostenuti dalle famiglie italiane nel corso del 2017 la spesa media è stata di €. 408 per famiglia. Nel Lazio la media lievita sino ad €. 450 e Frosinone è il capoluogo di provincia con la bolletta più salata (spesa media annua pari ad €. 711). Frosinone sale sul podio purtroppo anche a livello nazionale come la seconda provincia più costosa dopo Siena e Grosseto prime a pari merito, con una spesa annuale pari ad €. 722. Sempre per quanto riguarda la nostra  provincia la variazione della spesa per il servizio idrico integrato rispetto al 2016/2017 è considerevole (+ 7,7%), dato enorme se si considera il periodo che va dal 2007 al 2017 (+ 154%).

Mancanza di investimenti sulla rete idrica esistente

E’ bene sottolineare però, che, le tariffe dell’acqua in Italia rimangono in linea ed anzi  spesso sono ancora più basse (anche se in continuo aumento) rispetto ad altri Paesi europei. Ma fa da contraltare a questo quadro la pesante mancanza, nel nostro Paese, di adeguati investimenti sulle infrastrutture della rete idrica esistente. Infatti, in Italia si investe solo il 30% di quanto spende ad esempio il Regno Unito: in Italia l’equivalente di 30 euro per abitante, in Germania 80 euro, in Francia 90 euro, nel Regno Unito 100 euro.

Stop alla dispersione idrica

dispersione idrica media si attesti intorno al 35% (media dati 2016). Nel Lazio addirittura il livello di dispersione idrica raggiunge soglie del 60%; la provincia di Frosinone detiene in merito a ciò, record negativo assoluto con una percentuale pari al 75% (+ del 30% dal 2007). A questo serio disservizio, si aggiunga una notevole.. a volte esagerata difficoltà nel contattare, in caso di segnalazione di guasti e/o problemi vari, i responsabili della società, in grado di risolvere rapidamente i disagi del cittadino-utente-cliente. Gli utenti Ciociari meritano di meglio. E fondamentale- ha continuato il legale-  far sì che l’acqua possa essere  un diritto assoluto di tutti in ogni parte del territorio con eguale distribuzione ed efficienza e a prezzi di gestione consoni ad una reale gestione e diffusione del servizio".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento