rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

Gerard Depardieu picchia il re dei paparazzi Rino Barillari, il messaggio del sindaco di Frosinone

L'uomo qualche anno fa si è sposato con la sua Antonella alla Villa Comunale del capoluogo

Gerard Depardieu ha preso a pugni Rino Barillari, il 'king' dei paparazzi di Roma. Scene da Dolcevita ieri in via Veneto, quando il noto fotoreporter è stato aggredito dall'attore francese. 

A riportare la notizia è l'Adnkronos. Stando a quanto emerso Rino Barillari, che era in zona con la sua macchina fotografica, come di consueto, ha addocchiato Depardieu e la moglie a pranzo in un locale. Il 'king' dei paparazzi ha scattato qualche foto e la compagna dell'attore francese ha reagito, afferrando un braccio al 79enne. 

A quel punto  - si legge su RomaToday - Depardieu è intervenuto prima tirandogli del ghiaccio e poi con due pugni al volto. Soccorso dal titolare del locale, Birallari è stato portato in ospedale dal 118. Non è in gravi condizioni. Ha promesso che farà denuncia ai carabinieri.

Il re dei paparazzi qualche tempo fa ha scelto la Villa Comunale di Frosinone per sposare la sua Antonella. A celebrare le nozze fu proprio il sindaco Riccardo Mastrangeli che, appresa la notizia, ha pubblicato sul suo profilo social un messaggio di vicinanza a Rino Barillari. 

"Tanta solidarietà ed affetto a Rino Barillari che ieri è stato picchiato nel centro di Roma da Gerard Depardieu - scrive il sindaco Mastrangeli sulla sua pagina social -. Sono contro e cerco di lottare contro ogni forma di violenza… verbale, psicologica e fisica.

Resta difficile da capire come un uomo di prestigio che dovrebbe essere un esempio - famoso attore pluripremiato internazionale - possa ferire un altro uomo anziano colpendolo alla testa. Un abbraccio caro a Rino ed Antonella che qualche anno fa scelsero di unirsi in matrimonio a Frosinone nella nostra Villa Comunale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gerard Depardieu picchia il re dei paparazzi Rino Barillari, il messaggio del sindaco di Frosinone

FrosinoneToday è in caricamento