rotate-mobile
Ambiente e salute / Cassino

Ex depuratore Cosilam, l'ira di Carmine Di Mambro: "Non si gioca sulla pelle dei cittadini"

L'ex consigliere comunale di Cassino, promotore di battaglie a tutela dei malati di cancro, ringrazia l'amministratore giudiziario dell'impianto per le coraggiose dichiarazioni inerenti lo stato di degrado in cui versa la struttura che dovrebbe rendere puliti aria e acque circostanti

L'intervista-denuncia rilasciata dall'amministratore giudiziario dell'ex depuratore del Cosilam, Massimo Barillaro, nonh è passata inosservata a chi, realmente e concretamente, da anni porta avanti una battaglla contro l'inquinamento del territorio ed a tutela dei malati oncologi. Carmine Di Mambro, ex consigliere comunale di Cassino, che sulla sua pelle sta vivendo il dramma di una grave malattia, è intervenuto sulla vicenda e parla a nome di tutti coloro che ogni giorno combattono per la propria sopravvivenza o per quella di una persona cara.

“Non si gioca con la salute dei cittadini. La denuncia dell’amministratore giudiziario della struttura di depurazione dell'ex Cosilam così come è mi ha profondamente turbato. Il dottor Barillaro ha illustrato una situazione che oramai da 20 anni penalizza fortemente il Cassinate e soprattutto i residenti nella zona di via CERRO. La scarsa volontà da parte della regione Lazio di attuare anche le più elementari norme di sicurezza, hanno portato ad una situazione oramai irrecuperabile. L’impianto di depurazione dell’ex Cosilam e vetusto, inadeguato e soprattutto da ristrutturare in toto. Mi resta difficile credere che questa situazione paradossale sia stata causata dalla mancanza di fondi".

"Piu’ semplicemente credo che sia stata provocata dalla mancanza di volontà da parte di tutti coloro che, nel corso degli anni, si sono succeduti alla gestione del consorzio industriale del Lazio meridionale. I fondi destinati alla manutenzione ed alla messa in sicurezza ed ad adeguamento dell’impianto, come sono stati utilizzati? Per quale motivo quello che doveva essere un modello civiltà industriale e funzionalità, si è rivelato un eco mostro? Queste sono le risposte che attendono i tutti i cittadini e queste sono le risposte che la politica deve dare a coloro che hanno affidato la propria salute nelle mani della Regione. Il problema dell’inquinamento non riguarda solo il Cassinate ma l’intera provincia di Frosinone dove manca una politica all’avanguardia, costruita su fatti concreti e professionalità. È inaccettabile il pensiero che a tutt’oggi continuano ad ammalarsi persone, cittadini, giovani e bambini a causa del forte stato di degrado in cui versano le nostre terre e le nostre acque".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex depuratore Cosilam, l'ira di Carmine Di Mambro: "Non si gioca sulla pelle dei cittadini"

FrosinoneToday è in caricamento