rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
I dati

Legambiente, rapporto Mal'Aria 2023: Frosinone con i valori peggiori del Lazio

Il capoluogo comunque fa registrare una diminuzione dell'inquinamento negli ultimi 10 anni, con una delle percentuali più alte in Italia

L’emergenza smog nelle città italiane è un problema sempre più pressante. Secondo il nuovo report di Legambiente “Mal Aria di città. Cambio di passo cercasi”, redatto e pubblicato nell’ambito della Clean Cities Campaign, i livelli di inquinamento atmosferico in molte città sono ancora troppo alti e lontani dai limiti normativi, più stringenti, previsti per il 2030. Il report ha messo in evidenza i dati del 2022 nei capoluoghi di provincia, sia per quanto riguarda i livelli delle polveri sottili (PM10, PM2.5) che del biossido di azoto (NO2).

In sintesi, infatti, sono ben 29 città delle 95 monitorate, che hanno superato gli attuali limiti normativi per gli sforamenti di PM10 (35 giorni all’anno con una media giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo) con le centraline di Torino (Grassi) che si piazza al primo posto con 98 giorni di sforamento, seguita da Milano (Senato) con 84, Asti (Baussano) 79, Modena (Giardini) 75, Padova (Arcella) e Venezia (Tagliamento) con 70. Queste città hanno di fatto doppiato il numero di sforamenti consentiti.

La situazione di Frosinone e le proposte di Legambiente

Frosinone nel 2022 ha fatto registrare 61 sforamenti mentre per le concentrazioni di Pm 10 si è fermata a 27, peggior capoluogo del Lazio. Negli ultimi dieci anni, comunque, Frosinone ha fatto registrare una diminuzione del 6% del Pm 10, uno dei dati più alti in Italia. Rispetto ai nuovi target europei previsti al 2030 – fa sapere Legambiente - situazione ancora più critica: fuorilegge il 76% delle città per il PM10, l’84% per il PM2.5 e il 61% per l’NO2.

dati mal aria

Le città che devono lavorare di più per ridurre le loro concentrazioni e adeguarsi ai nuovi target (20 µg/mc da non superare per il PM10, 10 µg/mc per il PM2.5, 20 µg/mc per l’NO2) sono: Torino e Milano (riduzione necessaria del 43%), Cremona (42%), Andria (41%) e Alessandria (40%) per il PM10; Monza (60%), Milano, Cremona, Padova e Vicenza (57%), Bergamo, Piacenza, Alessandria e Torino (55%), Como (52%), Brescia, Asti e Mantova (50%) per il PM2.5. Le città di Milano (47%), Torino (46%), Palermo (44%), Como (43%), Catania (41%), Roma (39%), Monza, Genova, Trento e Bolzano (34%), per l’NO2. Frosinone deve ridurre le Pm 10 del 26% mentre per il Pm 2,5 del 41% e per il biossido d’azoto del 26%.

Legambiente: “Per rendere le nostre città più vivibili e sostenibili, serve un cambio di passo e una maggiore attenzione da parte di Governo e amministrazioni locali. Ecco le nostre proposte: zone a zero emissioni, città 30 km all’ora, potenziamento del trasporto pubblico, elettrificazione autobus e sharing mobility”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legambiente, rapporto Mal'Aria 2023: Frosinone con i valori peggiori del Lazio

FrosinoneToday è in caricamento