La magia del Natale a Pofi… sui passi di San Francesco

Il progetto, promosso nelle scuole, rende omaggio alla monumentale figura di San Francesco d’Assisi, autore del prima Natività vivente della storia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FrosinoneToday

La liturgia della presentazione di Gesù al tempio, popolarmente denominata “festa della Candelora”, ricorre oggi 02 febbraio e sancisce per tradizione la fine del tempo di Natale. A conclusione delle festività natalizie 2020-2021, comunichiamo pubblicamente – anche tramite mezzo stampa – i nomi dei vincitori del XII Premio di arte presepiale “Natale con Francesco”.

Il contest artistico-religioso, promosso dall’Ordine Francescano Secolare in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale di Castro dei Volsci, ha registrato anche quest’anno una considerevole partecipazione studentesca. Coinvolgendo le giovani generazioni, la fraternità francescana locale mira a promuovere e mantenere viva l’antichissima tradizione presepistica italiana. Il tema scelto per questa dodicesima rassegna natalizia è stato “Admirabile signum. Da Francesco a Francesco”, con lo scopo di commemorare il primo anniversario della pubblicazione della lettera apostolica sul valore e sul significato del presepe, redatta dal Santo Padre. Il Premio è stato patrocinato dal Pontificio Consiglio della Cultura, presieduto da Sua Em.za il Card. Gianfranco Ravasi.

Ai fini della partecipazione alla mostra-concorso di presepi artistici in miniatura, gli alunni delle scuole di Pofi hanno presentato trentasette opere inedite raffiguranti la Natività di Gesù. La presente edizione ha visto anche la partecipazione di tre adulti che, con competenza artigianale, hanno costruito dei manufatti di particolare valore artistico. Al termine delle numerose Celebrazioni Eucaristiche in programma durante il tempo natalizio, i fedeli hanno potuto ammirare l’esposizione dei mini presepi, allestita nelle tre cappelle della navata laterale della Chiesa francescana di San Pietro Apostolo. La cerimonia finale, con l’assegnazione dei premi, si è svolta venerdì 15 gennaio 2021 e, per evitare assembramenti, l’accesso in chiesa è stato consentito solo previa prenotazione. Nel corso della manifestazione, il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo di Castro dei Volsci prof. Gennaro Sorrentino, il Sindaco del Comune di Pofi Tommaso Ciccone e il Rev. Parroco don Giuseppe Said hanno espresso elogi e vivi complimenti agli studenti e agli insegnanti per l’impegno profuso.

L’alunno Claudio Cioci della scuola dell’infanzia ha conquistato la commissione valutatrice con l’opera presepiale “Il mio primo alfabeto”. L’intuizione profonda di associare le lettere dell’alfabeto alla rappresentazione sacra del presepe, per richiamare il concetto di Parola di Dio, è stata particolarmente apprezzata dai giurati. La medaglia d’argento è stata attribuita a Greta Gioi, che ha raffigurato la Natività usando unicamente pop corn, per trasmettere il clima di festa e il sentimento di gioia condivisa, tipici del Natale. Infine, è risultata terza classificata nella sua categoria l’opera miniaturistica di Chiara Frabotta, composta solo da arachidi. Le studentesse Emily Fratarcangeli, Lucia Negro ed Elisa De Santis si sono distinte nella sezione “scuola primaria”. Pasta di sale, perline colorate (conosciute come “pyssla”) e vecchi fogli di giornale hanno richiamato l’attenzione del comitato di valutazione, che ha premiato le opere intitolate “Presepe acqua e farina”, “L’unione fa la forza” e “Carta, forbici… colla”. Un podio tutto al femminile anche per la sezione “scuola secondaria di primo grado”. Le alunne Sofia Grandi, Giada Polidori e Giorgia Porcaro, con le opere “Nativity rainbow”, “Dolce Evento” e “Cesto di Natale”, hanno ottenuto rispettivamente il primo, il secondo e il terzo posto. Per la categoria “gruppo-classe” sono risultate vincitrici le classi: IIC (scuola dell’infanzia), IVD (scuola primaria “Roberto Scurpa”) e IC (scuola secondaria di primo grado “Umberto Vattani”). Nella classifica “senior”, si sono qualificati gli artisti Ambra Negro (studentessa del liceo scientifico-linguistico di Ceccano), Massimo Santoloci e Antonio Padovani.

Calorosamente applaudita da un partecipe pubblico anche l’insegnante di Religione Cattolica Lorena Nalli che, con i suoi piccoli allievi della scuola primaria, è stata selezionata dal Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione per la partecipazione alla 45^ Esposizione Internazionale “100 presepi in Vaticano”. La mostra, allestita presso il Colonnato di Piazza San Pietro, ha accolto anche la pregevole opera “Il presepe, un libro aperto” a cura di Ambra Negro che, con mirabile abilità, ha ricavato la Natività dalle pagine di un’antica Bibbia ottocentesca. L’Ordine Francescano Secolare, in accordo con l’Ordine dei Frati Minori, ha attribuito dunque due menzioni d’onore e due menzioni speciali agli alunni Nicolas Caserta e Valentina Ferrante Carrante. Degni di nota anche i lavori presentati dagli studenti: Ludovica Frabotta (presepe all’uovo), Giulia Romani (Natività in pyssla), Asia Ferrante Carrante (presepe di pasta), Francesco Rossi (pausa caffè con Gesù), Chiara Ricci (il calore della Sacra Famiglia), Gabriele Ferrante Carrante (in questa pandemia, la speranza è nella Natività), Elena De Santis (riflesso della luce divina) e Matteo Lillo (Natività nella zucca).

I ricchi premi in palio, offerti da Padre Vittorio Margiotti, consistevano in materiale scolastico e di cancelleria: zaini, astucci, pastelli, pennarelli, tempere, acquerelli, orologi didattici, quadernoni, fogli protocollo, cartoncini colorati, colla ma anche chiavette USB, cuffie wireless e mouse senza fili per supportare la didattica a distanza. Le esecuzioni musicali a cura dei professori Margherita Cimaroli, Marina Moretti ed Ettore Roccatani, unitamente alla declamazione di una poesia in vernacolo pofano composta dall’autore locale Edmondo D’Amici, hanno piacevolmente intrattenuto i presenti. L'evento, moderato da Chiara Margiotti, si è svolto nel pieno rispetto delle normative anti-Covid.

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento