Videosorveglianza, al via un progetto sovracomunale tra Morolo, Supino, Patrica e Sgurgola

In arrivo "nuovi occhi elettronici" per i paesi sotto i lepini, per meglio controllare una vasta zona dei comuni interessati

L’amministrazione comunale di Morolo ha approvato, nel corso dell’ultimo consiglio comunale, l’adesione all’Associazione Temporanea di Scopo con i Comuni di Patrica, Supino e Sgurgola, per la realizzazione del progetto di videosorveglianza che consentirà di coprire tutto il territorio. Ente capofila dell’ATS è il comune di Supino che avrà dunque i più ampi poteri per gestire le risorse erogate dalla Regione Lazio (50mila euro) per il bando denominato “E_Safety.net”.

Il comune ha già deliberato la partecipazione al progetto

La realizzazione del progetto richiede la somma di 55mila euro e saranno i quattro comuni ad investire la parte mancante (5mila euro). La quota che il Comune di Morolo ha stanziato è di 1.167 euro. Le telecamere che verranno installate saranno di ultima generazione: prevedono il sistema wireless e utilizzeranno la rete internet per consentire la miglior sorveglianza a distanza.

Saranno coperte altre zone della città

Grazie a questi fondi l’amministrazione guidata dal sindaco Anna Maria Girolami, andrà a coprire alcune zone scoperte come i giardini comunali di località Sorbo, luogo di feste ed eventi e frequentati da numerosi cittadini durante tutto l’arco dell’anno e alcune aree più esterne come i boschi per combattere l’abbandono indiscriminato di rifiuti e scovare, in questo modo, chi si renderà colpevole di inquinamento. Le nuove telecamere andranno ad integrare un sistema di videosorveglianza già presente sul territorio. Gli occhi elettronici sono infatti già presenti nel parcheggio delle scuole elementari, e in quello sottostante la Passeggiata Sant’Antonio. Un’importante impianto di recente istallazione, composto da ben cinque telecamere, si trova nella zona del mercato e all’ingresso del cimitero dove in passato si sono verificati diversi furti ai danni di automobili parcheggiate.

La sperimentazione ha funzionato

Il sistema ha già portato ottimi risultati azzerando in pratica i tentativi dei malintenzionati. Un altro impianto, di quattro telecamere, controlla il parco giochi e parte della piscina che, per una questione di privacy, non può essere interamente ispezionata dagli occhi elettronici. Una telecamera è poi presente in Piazza della Libertà, nei pressi della Caserma dei Carabinieri, che ne controlla i monitor. Di recente installazione le telecamere per il controllo di Piazza Ernesto Biondi, la zona principale del paese, e il nuovo parcheggio della scuola media.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento