Attualità

Norberto Turriziani, il ricordo di un giovane eroe di guerra che tanto ha dato a Frosinone

Oggi ricorre l'anniversario della morte del giovane soldato appena 21enne occorsa il 18 Maggio 1916 a Cima Campiluzzi, in Trentino. Suo padre donò la casa natale di Norberto alla città di Frosinone. Quella casa divenne così la sede della biblioteca comunale

Il 18 Maggio 1916.su Cima Campiluzzi, in Trentino, 105 anni fa moriva eroicamente Norberto Turriziani nato il 6 febbraio del 1895 e appartenente al 70° reggimento fanteria. Aveva appena ventuno anni. Appresa la triste notizia suo padre Antonio, futuro Podestà di Frosinone, ormai senza più eredi, decise di donare la casa natale di Norberto alla città di Frosinone. Quella casa divenne così la sede della biblioteca comunale, quella che ancora oggi si trova nell'attuale Corso della Repubblica.

La breve biografia di Norberto, morto appena ventenne, il 18 maggio 1916, durante la prima guerra mondiale presso Cima Campiluzzi, nella battaglia degli altipiani, è tutta riassunta nella lapide murata, purtroppo non più leggibile, posta sul prospetto della casa natia, oggi biblioteca comunale:

“In questa casa

destinata alla fioritura della sua vita

ed ora sacra alla sua cara memoria

li 6 febbraio 1895

nacque unico figlio

Norberto Turriziani.

Alla chiamata della patria

ventenne appena

abbandonava il corso di giurisprudenza

ed ufficiale della territoriale

seguendo le tradizionali idealità avite

il 18 maggio 1916

sulle epiche balze dell’insanguinato Trentino

eroicamente immortalava la sua giovinezza

a difesa del suolo italico

paralizzando i tentativi dì invasione austriaca

Il padre Antonio

e le zie Giulia e Maria Teresa

che avevano in lui concentrato ogni affetto

per la immatura e gloriosa fine a perpetuo ricordo”.

(https://web.comune.frosinone.it/biblioteca/index.php/biblioteca/storia)


Nel 1919, terzo anniversario della morte del giovane, il Comune di Frosinone realizzò un monumento a Norberto, quello posto attualmente in Largo Turriziani e un tempo sito in prossimità della salita che porta all’Arco Campagiorni, oggi Via Fratelli Bragaglia. Il monumento fu eretto con i fondi donati dal padre Antonio. Per perpetuare il ricordo del figlio il padre fece molte donazioni al Comune di Frosinone per l’istituzione di scuole e per altre meritevoli iniziative.

Come si evince dal testamento redatto il 21 luglio 1939, il cavaliere Antonio Turriziani diede al Comune di Frosinone “per facilitare l’istituzione in Frosinone del Regio Liceo Ginnasio la somma di 140.000 lire; inoltre pagò 50.000 lire per l’acquisto del terreno su cui è stata costruita la sede del Liceo quando il detto Istituto, in forza del decreto Reale, venne intitolato Regio Liceo Ginnasio Norberto Turriziani”. Destinò cospicui fondi per l’istituzione di borse di studio a favore degli alunni del liceo e lasciò tutti i suoi beni al Comune di Frosinone e al Liceo Ginnasio con l’intento di conservare viva la memoria del figlio Norberto.

Il ricordo di Norberto e del papà resta intrecciato in modo indelebile alle radici della città di Frosinone ancora oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Norberto Turriziani, il ricordo di un giovane eroe di guerra che tanto ha dato a Frosinone

FrosinoneToday è in caricamento