rotate-mobile
Vandalismo indisturbato

Nuovi atti vandalici sotto all’ascensore inclinato, Pizzutelli (Pd): “Città in video? Solo sulla carta”

Il capogruppo consiliare del Pd Frosinone critica l’amministrazione Ottaviani per via delle telecamere non funzionanti. Dal Comune: “Non sono rotte ma disattivate perché non c’è più alimentazione elettrica”

Nessuna telecamera ha ripreso i nuovi atti vandalici nell’abbandonata stazione sottostante all’ascensore inclinato di Frosinone. Dal Comune, mentre va su tutte le furie il capogruppo consiliare del Pd Angelo Pizzutelli, fanno sapere che “non sono rotte ma sono state disattivate perché non c'è più l'alimentazione elettrica che è stata sospesa dal momento in cui l'ascensore non funziona più”.

Il problema sarà risolto in futuro grazie a parte dei 20 milioni di euro ottenuti dall’amministrazione Ottaviani per la rigenerazione urbana, visto anche il finanziamento per il raddoppio dell’ascensore inclinato. Resta il fatto che nelle scorse ore sono state distrutte le porte e i vetri e gettati sedie, computer e mobili nel fiume Cosa, dove sono state anche vandalizzate le staccionate di delimitazione.

“Frosinone città in video? Solo sulla carta - si scaglia il democrat Pizzutelli - Se solo fossero state in funzione le tanto celebrate 300 telecamere, figlie del grande progetto ‘Città in video’ varato 6 anni fa e tanto caro alla Giunta Ottaviani, oggi tali soggetti non resterebbero impuniti e liberi di continuare a seminare scempio e devastazione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi atti vandalici sotto all’ascensore inclinato, Pizzutelli (Pd): “Città in video? Solo sulla carta”

FrosinoneToday è in caricamento