menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, altri 32 giovani per il servizio civile

Il comune ha ottenuto il finanziamento per quattro progetti di Servizio Civile all'interno del programma “Inclusione Sociale” e sarà capofila di questa coprogettazione di cui fanno parte anche i comuni di Trevi nel Lazio, Amaseno, Supino, Serrone, Acuto, Piglio e Labico

Il comune di Paliano ha ottenuto il finanziamento per quattro progetti di Servizio Civile all'interno del programma “Inclusione Sociale” e sarà capofila di questa coprogettazione di cui fanno parte anche i comuni di Trevi nel Lazio, Amaseno, Supino, Serrone, Acuto, Piglio e Labico. Sono previsti per Paliano 32 posti per altrettanti giovani volontari del paese. Il servizio civile è un’opportunità, rivolta a chi ha dai 18 ai 28 anni per avvicinarsi al mondo del lavoro, consentendo di fare esperienza pratica e concreta, accrescendo il proprio bagaglio personale di conoscenze e competenze anche professionali e diventare così un cittadino attivo. Il programma “Inclusione Sociale” ha lo scopo di far operare i volontari nel settore dell'assistenza, del patrimonio ambientale e riqualificazione urbana, nel patrimonio storico, artistico e culturale, nell'educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile sociale e dello sport.

"Dal 2018 – ha dichiarato il Sindaco Domenico Alfieri - siamo riusciti a impegnare 46 giovani nel Servizio Civile con tre bandi che hanno ottenuto una valutazione positiva, per cui sono stati finanziati. Ora, probabilmente già dall'inizio del prossimo anno, altri giovani saranno impegnati su diversi settori diventando un valido aiuto ai servizi comunali ma soprattutto accrescendo le proprie potenzialità ed entrando in contatto con il profondo senso di cittadinanza attiva e solidarietà sociale."

"Il programma “Inclusione Sociale” ha come obiettivo quello di rendere gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili e di fornire un sostegno all'inclusione e alla partecipazione delle persone fragili nella vita sociale e culturale del paese. I volontari accederanno con le loro attività nella scuola, nella biblioteca, nel centro sociale anziani, nella casa di riposo per anziani ma anche nell'ufficio tecnico comunale. Una risposta di educazione civica e sociale, rivolta ai più giovani diventa ancor più incisiva ed importante in un periodo particolare , come quello che viviamo oggi". Questo il commento dell'Assessore alle Politiche Sociali Eleonora Campoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento