Piglio, in città è boom di cittadini stranieri

Nel 2017 sono 150 gli iscritti all’anagrafe del comune al nord della Ciociaria, gran parte provenienti dall’est Europa. Saldo demografico negativo per l’anno 2017

I cittadini stranieri  iscritti all’Anagrafe del Comune di Piglio, riferiti al 31 Dicembre 2017, suddivisi per sesso e cittadinanza di appartenenza sono in totale 150 provenienti da 16 Paesi dell’Unione Europea ed extra e precisamente: dalla Bulgaria, dalla Polonia dalla Romania, dall’Albania, dalla Repubblica dell’Ucrania, dalla Russia, dalla ex Repubblica Jugoslavia di Macedonia, dalla Bielorussa, dalla Repubblica di SRI Lanka, dalla Moldavia, dall’Egitto, dal Marocco  dalla Tunisia, dalla Repubblica Dominicana, dagli Stati Uniti,  dal Perù, dal Brasile, dal Senegal, dalla Serbia e dall’Irlanda. 

I rumeni i più numerosi

Gli stranieri più numerosi sono di origine rumena con 99 presenze su 150. 
La presenza di questi comunitari ed extracomunitari impegnati in diverse attività lavorative è una nota positiva nel tessuto sociale della comunità pigliese in cui sono fattivamente inseriti e non generano né disturbo, né malcontento da parte degli abitanti locali che vi convivono in un sereno clima di accettazione e di positivi rapporti umani. 
Giorgio Alessandro Pacetti
 

Lo squilibrio tra nascite e morti

Preoccupante squilibrio nascite-morti- matrimoni a Piglio. In ventidue anni 1124  sono stati i morti contro le 815 nascite! L’anno che muore è sempre occasione di statistiche e di consuntivi.  La storia demografica di Piglio svela segreti curiosi se non addirittura sorprendenti nel suo susseguirsi di «picchi» e di «valli», mostrando le grandi crisi economiche e sanitarie che si sono susseguite dal 1871 ad oggi.  Si tratta infatti di 38 nati di cui 22 maschi e 16 femmine, a confronto di 51 morti di cui 31 maschi e 20 femmine, se poi a questo si aggiunge che nell’albo del Comune sono stati iscritti solo: 28 matrimoni di cui 2 civili e 26 religiosi e gli abitanti sono 4602  e le  famiglie sono 1880, molte di queste singole, non c’è da stare tanto allegri. 

L’anno più proficuo fu il 1871

Nel 1871 le nascite furono 110 e 98 i morti, mentre il periodo di forte proliferazione, al punto che neppure la «Spagnola del 1918-1919» riuscì a rallentare la crescita, è stato il triennio 1921-1923 forse incoraggiato anche dai contributi statali che Mussolini adottò. 
Le nascite infatti furono complessivamente 534 (178+177+179) un vero boom» demografico. Crescita che proseguì fino agli ultimi anni della seconda guerra mondiale (1940-1945), quando la crisi dei valori e la decadenza dei costumi dovuta al generale arricchimento provocò una caduta delle nascite, dal 1951 al 1960, toccando in media gli 80 nati e i 40 morti. 
Nel 1961, questi dati subirono ancora una flessione, passando rispettivamente a: 80 nascite, 34 morti, mentre gli abitanti censiti erano 4381 e le famiglie risultavano essere 1236 per precipitare poi progressivamente di anno in anno ad un minimo assoluto nel 1989 quantificabile in 59 nascite, e 42 morti. 
Nel 1991 anno buono 
Nel 1991 la partita si chiuse con i seguenti risultati: nascite 54, morti 30, abitanti 4736 e 1640 famiglie per proseguire ventuno anni dopo, al 31 Dicembre 2012, con i seguenti dati: n° 33 nascite, n° 44 morti e n° 9 matrimoni cattolici, stranieri iscritti all’anagrafe di Piglio n° 247 di cui 103 maschi e 144 femmine, famiglie 1944, popolazione totale 4696, n° 24 in meno rispetto all’anno 2011 e 79 in meno rispetto all’anno 1989. 

Il clero non è da meno nella diminuzione del posto 

Anche nel clero, purtroppo, si registra una grande diminuzione delle unità con l’esodo da Piglio di un gran numero di religiosi a cominciare dalle suore del Preziosissimo Sangue, per proseguire con i frati francescani e con le suore del Convento di San Giovanni, lasciato alla comunità “Nuovi Orizzonti”, per terminare poi con il convento di San Lorenzo dove è rimasto P. Angelo Di Giorgio custode del convento e Rettore della chiesa, insieme a frate Lazzaro e a P. Alessandro che è stato nominato da Mons. Lorenzo Loppa Vicario di Trevi nel Lazio, di Filettino e di Vallepietra. L’unico superstite, si  fa per dire, è don Gianni Macali, parroco di due parrocchie, che sopperisce con la sua vitalità alle grandi incombenze che il suo ministero comporta, coadiuvato da padre Angelo (vice parroco) e dai PP. Passionisti di Paliano, che si avvicendano a Piglio nel Santuario della Madonna delle Rose per officiare le due messe: una vespertina del Sabato e l’altra della Domenica delle ore 9. Ma questa è un’altra storia!  I dati sono stati forniti dallo storico del posto nonché collega  Giorgio Alessandro Pacetti, che ringraziamo
Qui di seguito riportiamo il conto demografico dal 1995 al 31/12/2017
Anno                  Nati                  Morti                       Matrimoni
1995                    41                        51                                  18
1996                    44                        48                                  31
1997                    58                        43                                  34
1998                    47                        46                                  31
1999                    21                        50                                  21
2000                    21                        43                                  25
2001                    27                        40                                  22
2002                    31                        46                                  37
2003                    35                        54                                  20
2004                    22                        52                                  34
2005                    36                        34                                  34
2006                    33                        44                                  38
2007                    41                        46                                  40
2008                    52                        55                                  34
2009                    36                        43                                  28
2010                    28                        59                                  18
2011                    28                        47                                  10 (Minimo storico)
2012                    31                        44                                  15
2013                    29                        50                                  23
2014                    48                        59                                  22 di cui 12 civili e 10 religiosi
2015                    34                        54                                  16 di cui 11 civili e   5 religiosi
2016                    34                        65                                   26 di cui  9 civili e  17 religiosi
2017                    38                        51                                   28 di cui 2 civili
TOTALE          815                     1124                               596

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


(ricerca statistica GIorgio Alessandro Pacetti)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento