PM10, maglia nera per Frosinone, Cassino e Anagni

I dati forniti dall'associazione Medici di Famiglia per l'Ambiente si concentrano nella zona della Villa Comunale in via Marco Tullio Cicerone dove la presenza delle polveri sottili è altissima

La tabella dei rilevamenti

L’Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente presenta l’elaborato dei dati Ancler riguardanti PM10 e PM 2,5 del mese di gennaio 2020, riferito a tre zone rappresentative di Frosinone che sono state confrontate con i dati di altri comuni della provincia : Anagni, Cassino e Sora. Premessa: per le PM 10 sono ammessi 35 giorni di sforamenti anno oltre 50 mcg/m3 di media giornaliera secondo la legislazione italiana, oltre 40 mcg/m3 secondo l’Europa, oltre 25mgc/m3 per l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Il limite della media annua per le PM 10 è di max. 40mcg/m3. Per le PM 2,5 in Italia la media annua ammessa è max. 25 mcg/m3;per l’OMS è 10 mcg/m3.  La concentrazione ed il tempo di esposizione sono i valori da considerare per correlare le PM alle malattie. Molto di più rispetto gli sforamenti quotidiani, che esprimono solo il superamento di un limite legislativo. Infatti, un conto è respirare a 51 mcg/m3, ben altro è respirare a 250 mcg/m3.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I valori più alti

Purtuttavia i due valori di 51 e 250, rispetto gli sforamenti hanno la stessa rilevanza. Entrambi ed in egual misura, valgono un giorno oltre il limite ammesso di 50 mcg/m3. Si specifica, inoltre, che il PM 2,5 è correlato con maggior precisione all’insorgenza delle malattie. Si riporta il grafico con gli istogrammi di comparazione delle PM10. I colori indicano la concentrazione secondo la legenda in basso a sinistra. Più sono scuri, più sono in alto e più sono pericolosi. All’interno delle aree colorate è riportata la percentuale del tempo di esposizione a quella concentrazione durante tutto il periodo di riferimento. Nella parte bassa, in tabella, il numero assoluto delle ore di esposizione alla concentrazione corrispondente alla linea. Tanto maggiore è il tempo di esposizione, tanto più alta è la concentrazione,tanto maggiore è il danno ed il rischio di sviluppare malattie gravi e mortali. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

  • Il cuore di Willy spaccato a metà dalle troppe botte. Tre indagati per omissione di soccorso

  • Coronavirus, più tamponi e ben 31 casi in Ciociaria. D'Amato: 'Mantenere alta l'attenzione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento