Pontecorvo, centrale a biomassa: la replica del sindaco Anselmo Rotondo

L'azione risarcitoria paventata dalla società Mondonuovo non è stata imposta dal Tar di Latina. La Procura ha archiviato le denunce presentate contro il primo cittadino

Sulla questione della centrale a biomassa di Pontecorvo replica il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo: "Il Tar del Lazio non ha disposto alcun risarcimento danni alla società Mondonuovo che voleva realizzare una centrale a Biomasse in zona Le Cese a Pontecorvo. Allo stato ci sono dei fatti, incontrovertibili, che ci giungono dalla Magistratura Ordinaria, il Tribunale di Cassino e il Tar del Lazio, che dicono esattamente il contrario. A Cassino, la Procura della Repubblica, nella persona del sostituto procuratore Alfredo Mattei, dopo approfondite indagini sulla scorta di una denuncia della Mondonuovo che lamentava atteggiamenti ostruzionistici del Sindaco e del Responsabile dell’Area Tecnica, ha chiesto e ottenuto l’archiviazione. Ciò vuol dire che tutto si è svolto nel solco della legalità e nel pieno rispetto delle regole".

La sentenza 

"Il TAR dopo l’udienza del 15 gennaio 2020 ha dichiarato, invece, cessata la materia del contendere, perché l’Ufficio Tecnico ha adempiuto agli obblighi ed ha lasciato la possibilità, quale diritto, di attivare altra causa per valutare, si badi bene valutare, eventuali azioni risarcitorie - prosegue ancora Rotondo -. Ma i danni dove sono se la Procura della Repubblica ha detto espressamente che non sono stati commessi reati né da parte del Sindaco né da parte del Responsabile dell’Area tecnica? Il Tar non è entrato nel merito della domanda di risarcimento danni; ha rimandato la questione ad un’eventuale nuova fase di merito. Sostanzialmente il Tribunale non ha stabilito se ci siano o meno i presupposti per un'azione di risarcimento, ha solo detto “se volete, se ne discuterà in un'altra fase“.

La campagna elettorale

"Capisco l’imminente campagna elettorale alle porte (essendo stato questo argomento prioritario per noi del nostro programma elettorale), ma raccontare bugie per ingannare i cittadini o creare loro preoccupazioni indebite è veramente di cattivo gusto - conclude il sindaco -. Chiudo raccontando questa che è la verità dei fatti riprendendo lo slogan che utilizzai nella scorsa campagna elettorale “con noi i deboli saranno sempre meno deboli perché i forti ed i prepotenti lo sono già’”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

  • Pontecorvo, dopo lo schianto di ieri sera in via Leuciana muore anche Luca Forte

  • Cassino, cade in un tombino lasciato aperto e si rompe la faccia

  • Anagni, aperto il nuovo supermercato Conad all’Osteria della Fontana

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento