Pontecorvo, una strada in memoria di Alessandra Lisi

Il Comune ha deciso di dedicare una via alla giovane scomparsa prematuramente nel tragico incidente in metropolitana avvenuto 12 anni fa

Alessandra Lisi

La nuova strada nei pressi del Sacro Cuore intitolata ad Alessandra Lisi, la giovane ricercatrice pontecorvese morta il 17 ottobre 2006 a Roma in uno scontro fra treni della Metropolitana. Ci furono 452 feriti, una sola vittima: Alessandra Lisi a distanza di 12 anni il Comune di Pontecorvo le intitolerà una strada. Lo ha deciso stamattina la giunta comunale guidata dal sindaco Anselmo Rotondo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un gesto di riconoscenza

“Alessandra rappresenta, parlo al presente, - precisa il sindaco Rotondo - perché per noi sarà per sempre così, la Pontecorvo migliore. Quelle dei giovani che non credono in un sogno e lo perseguono, con onestà e gratitudine nei confronti della famiglia. La vita sia professionale, sia umana di Alessandra sia da esempio, per questo abbiamo deciso di intitolarle una strada, una strada ad imperituro ricordo. Prima della deliberazione ho parlato con il padre, il signor Antonio, il quale è rimasto inorgoglito e felice per questa decisione. Mi ha ringraziato, gli ho detto che l’intitolazione della strada ad Alessandra è un gesto di alta riconoscenza a una persona che, prima di quel maledetto 17 ottobre 2006, ha portato in alto, nel suo campo professionale, il nome di Pontecorvo. La cerimonia ufficiale d’intitolazione ci sarà il 17 ottobre prossimo alla presenza di tutte le più alte cariche istituzionali attuali e dell’epoca”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento