rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità Pontecorvo

Pontecorvo, trasferimento di una dipendente illegittimo. Il Tribunale da ragione al sindacato

Si chiude una lunga diatriba che ha provocato anche dei costi alle casse comunale

"Il Tribunale di Cassino da ragione alla FP CGIL: fu comportamento antisindacale a ex art. 28 St. lav. quello contro la nostra iscritta trasferita immotivatamente a ridosso delle elezioni per i Rappresentanti dei Lavoratori dopo la schiacciante vincita della FP Cgil con ben 46 voti a favore che di fatto sancivano la volontà dei lavoratori di farne il 1° sindacato nel Comune: non potendo attaccare direttamente la RSU eletta, ha effettuato una ritorsione nei confronti della sua collega, con un trasferimento da sempre considerato illegittimo dalla FP Cgil, ed ora considerato tale anche dal Giudice". Cosi in una nota i rappresentanti sindacali della Fp Cgil che poi prosegue:

"Tutto questo era scaturito dalla protesta del 15.04.2022 che aveva visto il nostro Sindacato ergersi a difesa dei lavoratori del Comune, portando il Sindaco, dopo ad attuare azioni ostili contro chiunque avesse supportato la FP CGIL. Tutta questa diatriba sconsiderata avrà un costo per le casse del Comune considerevole, considerate le spese processuali ed il risarcimento dovuto.

Ci duole però insistere sul fatto che si insista nella strada fallace della non cooperazione bensì della guerra insensata da parte dell’amministrazione ai lavoratori:da diverso tempo, c’è infatti, stallo nelle trattative sindacali a causa di alcune migliaia di euro che l’Amministrazione pretende vengano tolti dalla parte del Fondo relativa al personale del Comparto, per essere passato al personale con Posizione Organizzativa.

Come Organizzazione Sindacale, abbiamo sin da subito fatto notare, due cose in particolare:
1. Abbiamo dei dubbi sulla redazione del Fondo stesso al quale sembra manchino gli avanzi provocati dai pensionamenti, che non risultano essere stati inseriti, ma l’Amministrazione stessa ha negato la possibilità di revisionare.
2. Che questo ammanco su questa particolare del Fondo, anche se sembra esiguo rispetto al totale della somma, in realtà rappresenta una spada di Damocle sulla testa dei Dipendenti, per il semplice fatto sarà un ammanco che non sarà mai più rimpiazzabile neanche nel tempo pregiudicando incrementi salariali stabili come le progressioni orizzontali.

L’ Amministrazione ha sempre insistito sul fatto che i dipendenti del comparto avrebbero dovuto compiere il sacrificio a fronte dell’impossibilità dell’ Ente di far fronte alla spesa mentre in realtà apprendiamo a mezzo stampa, che le casse dell’Ente sono in ottimo stato, tanto di avere fondi per oltre 800.000 mila euro: per questo immaginiamo che non sarà più necessario insistere nel voler depauperare il fondo del comparto, ma si potrà procedere semplicemente a mettere in bilancio la spettanza dei dipendenti di titolari di Posizione Organizzativa.

Non può che farci piacere la floridità delle casse di un Comune, e per questo, richiediamo ancora che venga lasciata ai dipendenti tutti, la possibilità di avere le spettanze dovute. Non può che lasciarci con l’amaro in bocca, il fatto che con i soldi persi a causa di comportamenti ostili nei confronti dei lavoratori, si sarebbe potuto risolvere l’intera contrattazione senza prelevare soldi dal fondo dei dipendenti.

Speriamo che ora, con la vincita della causa, l’amministrazione sotterri l’ascia di guerra, e con spirito di collaborazione fattiva, si sieda al tavolo delle trattative per concludere le trattative concordando una soluzione che non veda né vinti né vincitori, bensì lavoratori (rappresentanti dai sindacati) ed amministrazione, uniti insieme, nel rispetto dei diritti e delle prerogative sindacali dei lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontecorvo, trasferimento di una dipendente illegittimo. Il Tribunale da ragione al sindacato

FrosinoneToday è in caricamento