Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

I soldi dello Stato non arrivano, a rischio l’ospitalità dei profughi in Ciociaria

La Onlus che gestisce i centri di Sora, Veroli e Vico nel Lazio reclama quasi 900 mila euro ma dalla Prefettura parlano di errori nella rendicontazione

Nelle ore scorse è scoppiato il caso dell’Onlus Integra che gestisce l’accoglienza dei profughi a Sora, Veroli e Vico del Lazio che vuole gli 870 mila euro dallo Stato per continuare a dare ospitalità ad oltre 70 richiedenti asilo presenti nelle sue strutture.

Una situazione complessa

Una situazione molto complessa che potrebbe portare ad un’emergenza profughi in Ciociaria anche perché la Prefettura ha fatto sapere che la onlus non può essere pagata perché la documentazione inviata è carente e nella nota ufficiale si parla anche di metodi estorsivi utilizzati. I sindaci dei tre comuni che da qualche anno ospitano queste strutture sono stati messi in pre allerta ma i vertici della onlus parlano di situazione oramai insostenibile.

La nota della Prefettura

“L'Associazione Integra Onlus dichiara che intende all'improvviso cessare il servizio a favore dei migranti nei comuni di Sora, Veroli e Vico nel Lazio. A tal riguardo, è bene precisare che: a) da alcuni mesi l'associazione integra onlus non ha ricevuto pagamenti, solo perché non ha presentato la regolare contabilità; b) la Prefettura non è "sorda ed insensibile al bene comune", ma pretende la tenuta della regolarità contabile; è noto che non si può pagare senza la corretta fatturazione e la dimostrazione dei servizi resi, è storia arcinota; c) se integra Onlus realmente cessa le attività entro tre giorni, ciò verrà considerato un tentativo ricattatorio ed estorsivo nei confronti della prefettura con la volontà deliberata di costituire difficoltà e danni ai migranti, ai lavoratori, alla cittadinanza e ai comuni. tutto sarà più facile per tutti se integra onlus manterrà gli impegni, rientrando nel solco della legalità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I soldi dello Stato non arrivano, a rischio l’ospitalità dei profughi in Ciociaria

FrosinoneToday è in caricamento