menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bonifica Sin Valle del Sacco, la Provincia chiede di accelerare i tempi

È l'appello del presidente Pompeo rivolto al Ministero dell'Ambiente e alla Regione per sbloccare le procedure ferme da un anno

Definire in tempi brevi l’Accordo di Programma per avviare la bonifica degli otto siti ricadenti nel Sin Valle del Sacco, la cui messa in sicurezza è stata classificata come urgente. Il presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo, dopo avere concordato la linea nella riunione del Coordinamento dei Sindaci della scorsa settimana, ha scritto al Ministero dell’Ambiente e alla Regione Lazio per richiedere di accelerare le procedure ferme ormai da oltre un anno.

“È indispensabile che il Ministero dell’Ambiente definisca al più presto le procedure per l’avvio degli interventi e le relative modalità attuative con l’attribuzione dei fondi, senza dimenticare che siamo ancora in attesa di un regolamento per le aree agricole - ha spiegato Pompeo -  Di fronte ad un problema così importante e urgente per il nostro territorio, occorre partire da quelle procedure che già sono state incardinate e che rappresentano l’avvio di modello più efficace nella gestione delle criticità che riguardano la Valle del Sacco”.

I siti d'interesse

Sono i seguenti gli otto siti da bonificare immediatamente: “Area ex Olivieri (Ceprano - Falvaterra); ex Cartiera Vita Mayer (Ceprano); ex Europress (Ceprano); ex Cartiera (Ferentino); discarica Le Lame (Frosinone); ex Polveriera (Anagni); SNIA BPD - Bosco Faito (Ceccano); ex Cava Pietrisco Anime Sante (Ceccano).

Dalle parole ai fatti

“Anche alla luce di quanto sta accadendo in queste ultime ore, le istituzioni locali, come è stato evidenziato durante il Coordinamento, chiedono che si passi dalle parole ai fatti. Stiamo parlando della salute dei cittadini, ma anche di un’opportunità che può garantire occasioni di sviluppo per questa terra”. Oltre alla nota al Ministero e alla Regione, la Provincia di Frosinone sta intensificando le azioni di controllo del territorio e dei bacini fluviali con la Polizia provinciale. Inoltre, si sta lavorando ad una proposta per mettere a sistema il controllo e il monitoraggio del territorio insieme ai Comuni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

  • Eventi

    Alatri, il Cristo nel Labirinto e le Mura Ciclopiche

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento