menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reddito di cittadinanza, i dati Uil: quasi 10.000 domande accolte in Ciociaria, più di 1.000 a Frosinone

La nostra provincia è la terza nel Lazio per numero di uomini e donne cui l’Inps ha riconosciuto il diritto di avvalersi della misura nata con l’obiettivo di contrastare la povertà, la disuguaglianza e l'esclusione sociale

“Sono 9865 le domande di Reddito di cittadinanza accolte nella Ciociara. Escludendo Roma - le cui cifre per popolazione e bacino raggiungono le sessantamila unità - la nostra provincia è la terza nel Lazio per numero di uomini e donne cui l’Inps ha riconosciuto il diritto di avvalersi della misura nata con l’obiettivo di contrastare la povertà, la disuguaglianza e l'esclusione sociale”. Lo dice Anita Tarquini, Segretaria Generale della Uil di Frosinone, che ha elaborato i dati relativi al reddito e alla pensione di cittadinanza nel capoluogo e in tutto il territorio ciociaro.

Frosinone in testa

In testa alla graduatoria c’è Frosinone, con 1121 persone che percepiscono la misura introdotta dall’ormai ex governo gialloverde – dice Tarquini – mentre 473 sono state nel capoluogo le domande respinte. Allargando lo sguardo alle altre cittadine del nostro territorio, scopriamo che sono 860 le domande autorizzate dall’Istituto nazionale di previdenza sociale a Cassino, 569 a Sora, 440 ad Alatri, 474 a Ceccano, 346 ad Anagni. A Ferentino i percettori di reddito e pensione di cittadinanza hanno raggiunto le 383 unità, A Veroli sono state 292, a Pontecorvo 263, a Fiuggi 241, a Isola del Liri 225. E poi a seguire: 192 a Piedimonte San Germano, 179 a Boville Ernica, 156 a Roccasecca, 164 a Supino, 138 a Paliano, 104 ad Arce”.

Ciociaria terza nel Lazio

“Sotto le centinaia – prosegue Tarquini – troviamo realtà più piccole tra cui spiccano Piglio con 91 domande accolte, Arpino con 82, Amaseno con 66, Patrica con 67, Fontana Liri con 64. Mentre scendono a 98 a Pofi. E poi 71 a Morolo, 43 a Castelliri, 33 a Fiumone e 29 a Guarcino. Nell’intera regione sono oltre novantamila gli uomini e le donne che beneficiano di questa misura di sostegno al reddito – prosegue Tarquini – Il nostro dato, che sfiora le diecimila unità, colloca il territorio ciociaro dopo Roma e Latina e prima di Viterbo e Rieti”. “Siamo favorevoli alle misure che contrastano la povertà e favoriscono l’inclusione sociale – conclude l’esponente Uil di Frosinone – Ma è chiaro che da sole non possono bastare. Serve un ragionamento complessivo. Infine, la cosiddetta fase due del Reddito appare ancora inceppata: i centri per l’impiego stentano, le politiche attive sono ancora al palo. Occorrono correttivi. E poi servono gli investimenti, sia quelli pubblici che quelli privati, perché soprattutto attraverso gli investimenti il lavoro può ripartire”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento