Ripi, maxi bolletta da 12 mila euro per una famiglia del posto

Con l’intervento dell’ass. Codici l’Acea ha constatato che vi erano problemi al contatore ed ha annullato il tutto

Una volta aperta la busta contenente la bolletta per poco non hanno avuto un malore. La brutta disavventura a è capitata ad una famiglia di Ripi che si è vista arrivare una fattura dell’Acea per il servizio idrico di quasi 12 mila euro (11.807,78 per la precisione). Una volta tornata la calma la famiglia residente nella zona di Colle Castagno si è rivolta all’associazione di consumatori CODICI per cercare di capire dove fosse il problema e soprattutto se si poteva evitare di pagarla.

Il sopralluogo ed il contatore guasto

La famiglie ha raggiunto, quindi, gli uffici di Via Brighindi dell’associazione che ha preso in carico la questione chiedendo spiegazioni al gestore del servizio idrico. Il presidente provinciale avv. Giammarco Florenzani e il responsabile del Settore Idrico avv. Angelo Terrinoni hanno ottenuto un sopralluogo da parte dei tecnici di Acea e la sostituzione del contatore dell’utenza. Quest’ultimo è risultato non funzionare correttamente poiché girando più veloce del dovuto aveva rilevato un consumo di molto superiore a quello effettivo. La prova con il nuovo contatore ha dato ragione all’associazione Codici e alla famiglia di Ripi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’annullamento della bolletta

Acea ha provveduto ad annullare la maxi bolletta da quasi 12 mila euro ed emettere una nuova fattura con il giusto importo: “Ancora una volta – hanno spiegato Florenzani e Terrinoni – è risultata decisiva la segnalazione dell’utente, in questo caso la famiglia di Colle Castagno per la quale ci siamo subito attivati. Il nostro intento è quello di riportare equità e garantire ai consumatori il diritto a pagare i servizi il giusto. Lavoriamo ogni giorno a fianco di utenti e famiglie con l’obiettivo di offrire loro un supporto in diversi casi fondamentale. In molti, infatti, pagano senza effettivamente controllare i consumi effettuati, l’invito a loro è quello di rivolgersi ai nostri uffici perché risparmiare denari, soprattutto in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, risulta spesso vitale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento