rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
TV e Spettacolo

La scenografia del Festival di Sanremo è firmata da un ex docente della provincia di Frosinone

Il maestro Gaetano Castelli ha mosso i suoi primi passi da insegnante in un comune della Ciociaria, dove ha ricevuto anche la cittadinanza onoraria nel 2007

L’impianto scenografico della 73esima edizione del Festival di Sanremo è firmato da Gaetano e Maria Chiara Castelli. Il maestro di 85 anni in passato ha ricevuto la cittadinanza onoraria a Villa Santo Stefano (Frosinone) dove per anni ha svolto la professione di docente. Lo scenografo- in un’intervista durante il ricevimento della cittadinanza onoraria nel 2007 – ha ammesso di essersi trovato meravigliosamente in Ciociaria e di non aver mai dimenticato la gustosa pizza del forno della signora Pina "fornara".

Quella di quest’anno è la ventunesima scenografia firmata da Gaetano Castelli, la nona insieme alla figlia Maria.

“Quest’anno, per il Festival, abbiano pensato di costruire un ‘cielo’ speciale, tornando al piacere di un’architettura scenografica ‘costruita’, accettandone tutte le sfide”. E così – nelle parole degli scenografi Gaetano e Maria Chiara Castelli, riportate all’ufficio stampa della Rai – è nata la grande cupola sotto la quale risuonerà la musica di Sanremo 2023. “Si tratta – spiegano - di una cupola ellittica sospesa, ma strettamente connessa con il resto della scenografia, larga ventuno metri e alta fino a undici. Avrà ‘specchi segreti’ e una sommità mobile, con luci perfettamente integrate, che potrà scendere al di sopra degli artisti sul palco.

E, sempre per rispettare la filosofia di un’architettura scenografica e tridimensionale, abbiamo anche rinunciato ai tradizionali ledwall, mentre a sottolineare la centralità degli artisti resteranno la scalinata e gli spazi laterali dell’orchestra, e tornerà anche il sipario. Il tutto ‘avvolto’ nel bianco e affidato all’occhio del regista Stefano Vicario e alle luci del direttore della fotografia Mario Catapano che avrà a disposizione anche sei km di led dinamici. Un progetto che ha preso forma, appena terminato il Festival 2022, seguendo le indicazioni di Amadeus che ci ha chiesto di trovare nuove strade per la scenografia. E ci piace dedicare questo nostro lavoro anche a Franco A. Ferrari, un grandissimo direttore della fotografia del Festival e non solo, scomparso di recente”.

Oltre a quello del palcoscenico anche il resto dell’impianto scenografico sarà dominato da linee curve che – per la prima volta – “vestiranno” anche platea del Teatro Ariston: “Sarà un modo – aggiungono Gaetano e Maria Chiara Castelli – di prolungare il palco nel teatro ottenendo l’effetto di allargare lo spazio, senza ridurre i posti in platea, anzi, recuperando alcune file”.

Il lavoro per la realizzazione della scenografia è cominciato subito dopo l’estate, mentre il montaggio a Sanremo ha preso il via a dicembre: “E’ stato bello – concludono gli scenografi – veder nascere e crescere quella che ci piace chiamare la nostra ‘architettura’ di Sanremo, per la quale il nostro ringraziamento va al nostro collaboratore Manuele Bellucci e a tutti gli eccezionali professionisti della scenografia e delle luci che hanno trasformato in realtà il nostro progetto.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scenografia del Festival di Sanremo è firmata da un ex docente della provincia di Frosinone

FrosinoneToday è in caricamento